Expo 2015, si Balla con il Genio futurista

scritto da LUNA MOLTEDO

Il grande pittore italiano Giacomo Balla sarà uno dei protagonisti dell’Expo di Milano. Nel Padiglione Italia sarà esposta un’opera prestigiosa che ebbe grande fortuna e che solo di recente è entrata a far parte della ricca collezione d’arte di Laura Biagiotti che può vantare una delle più importanti collezioni di arte futurista esistente al mondo.

expo“Genio futurista”, il grande olio su tela d’arazzo opera monumentale di Giacomo Balla, sarà ospitata, dal 1 maggio al 31 ottobre, ad Expo 2015 nella sala di rappresentanza di Palazzo Italia. http://www.expo2015.org/it

Novant’anni dopo la grande opera di Balla torna a illuminare un’Esposizione universale: era successo nel 1925 a Parigi e succederà ancora a Expo Milano 2015. Il quadro è stato prestato dalla Fondazione Biagiotti Cigna al Padiglione Italia, rappresentato dalla presidente di Expo Diana Bracco.

lb world


Un uomo con testa a stella che simboleggia il Belpaese è al centro del quadro e dalla figura astratta che sintetizza il genio futurista, si irradiano varie rappresentazioni.
L’arazzo è avanguardia non solo di forme, ma anche di dimensioni che superano il visibile e danno corpo all’invisibile, come lo stesso Balla affermava nel ‘Manifesto della Ricostruzione Futurista dell’Universo’ (1915).
www.futurismo.altervista.org/manifesti/ricostruzioneFuturista.htm
Il Futurismo, che pure nella cultura corrente è ancora connesso con l’epoca fascista e, successivamente, con la destra, celebrò l’idea del dinamismo, parola raramente associata al nostro Paese, da troppo tempo in una situazione di status quo. Che l’opera di Balla diventi l’icona dell’Expo 2015, potrebbe essere l’occasione per riprovarci, l’opportunità per dare una sferzata di energia positiva all’Italia immobile, ferma.

Il Futurismo nasce in un periodo, l’inizio del Novecento, di notevole fase evolutiva dove tutto il mondo dell’arte e della cultura era stimolato da numerosi fattori determinanti: le guerre, la trasformazione sociale dei popoli, i grandi cambiamenti politici e le nuove scoperte tecnologiche e di comunicazione, come il telegrafo senza fili, la radio, gli aeroplani e le prime cineprese; tutti fattori che arrivarono a cambiare completamente la percezione delle distanze e del tempo.

futurismo

L’arazzo di Giacomo Balla illumina lo spazio con il suo prisma di luci tricolore. Il dipinto ad olio su tela d’arazzo (di 279x381cm), realizzato nel 1925 per l’Exposition Internationale des Arts decoratifs modernes tenuta a Parigi, è considerato un’opera cardine tra quelle esposte allora nel padiglione delle arti decorative.
Impostato sui colori italiani (rosso, bianco e verde), che si intarsiano su un fondo blu e azzurro, la composizione “prismatica” è incentrata su una schematica figura d’uomo, simbolo dell’Italia. Da questa figura astratta solo vagamente antropomorfa si irradiano forme che condensano le diverse esperienze pittoriche futuriste dell’artista in una sorta di summa artistica. Il “Genio futurista” ebbe un successo enorme per la storia dell’arte perché portò alla nascita dell’espressione Art déco.

“Si dovrà imparare – ha detto Laura Biagiotti – a nutrire il pianeta, ma ci sarà spazio anche per un nutrimento intellettuale e spirituale, così come l’arte sempre suggerisce”. La presidente della Fondazione e del Biagiotti Group, è partita dal tema di Expo per parlare dell’aspetto culturale dell’Esposizione.
L’arte è stata da sempre fonte di ispirazione per Laura Biagiotti che è stata la prima stilista a dedicare alla sua città il suo profumo di maggior successo “Roma” e un altro profumo che si chiama “Venezia”.

www.laurabiagiotti.it

Va detto anche che il mecenatismo della Biagiotti che, con il contributo dei suoi profumi, ha portato agli antichi splendori il Grande Sipario del Teatro la Fenice a Venezia, distrutto dall’incendio, la Scala Cordonata del Campidoglio e nel 2007 ha restaurato le Fontane di Piazza Farnese a Roma.
L’Expo 2015 sarà una grandissima occasione di dialogo culturale, economico, commerciale, diplomatico e l’opera di Giacomo Balla ne testimonia l’inizio.

Expo 2015, si Balla con il Genio futurista ultima modifica: 2015-03-03T16:48:48+02:00 da LUNA MOLTEDO

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Lascia un commento