Bentornata Due Cavalli, un mito della strada

scritto da GUIDO MOLTEDO
Condividi
PDF

Torna, dopo un quarto di secolo, una delle icone della storia dell’automobile, la Citroën 2CV.

E lo fa come attraverso una serie speciale – la Soleil – che è stata ideata oggi ma partendo da un “sogno” lontano da Serge Gevin, il padre delle versioni Spot e Dolly della 2CV e della Dyane Cabane. Di questa auto è stato costruito un solo esemplare – perfetto come se fosse appena uscito dalle linee di montaggio – che Citroen Italia utilizzerà per far scoprire il mondo della 2CV, anche attraverso prove su strada, a chi non ha mai vissuto una esperienza con la Deuche.

Per me, che ho avuto la fortuna di averne una, la “vera” deux chevaux è quella monocolore, grigia, con due (non tre) finestrini laterali e con le porte anteriori non controvento, la frizione centrifuga (una specie di cambio semiautomatico) e la manovella per l’avvio del motore in caso d’emergenza.

Bentornata Due Cavalli, un mito della strada ultima modifica: 2015-05-12T17:36:45+02:00 da GUIDO MOLTEDO

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Lascia un commento