Venezia. Michele e l’orto più bello del mondo. Video intervista

scritto da NICOLÒ BUSETTO
Condividi
PDF

Abbiamo intervistato in video Michele, l’ortolano della Giudecca. Lo scorso anno Claudio Madricardo lo intervistò per Ytali, e da allora è stato l’articolo più visitato della nostra rivista. Siamo tornati a trovarlo. Con una telecamera. Anche per commentare con lui la sua ultima iniziativa: Ogni martedì, dalla mattina al tramonto si sperimenteranno assieme pratiche sostenibili di progettazione, come piantare un chiodo, riconoscere e cucinare le erbe spontanee, accendere un fuoco, costruire con materiali di recupero, potare un albero, seminare a spaglio, cambiare il manico ad una zappa, fare un buon compost, essiccare un’erba aromatica…

In modo da creare una rete di persone che vogliono vivere di natura, e capire quali possano essere gli sbocchi lavorativi in un luogo particolare come quello dell’Arcipelago Veneziano.

sequenza-012

DOVE: nell’hortus conclusus delle Zitelle alla Giudecca

QUANDO: ogni martedì

Info e iscrizioni: fudvenezia@gmail.com

FB: Erbe Matte https://www.facebook.com/3ERBEMATTE/; Fud Venezia https://www.facebook.com/fudvenezia

Pranzo: cassa comune di 4 euro e si cucina tutti assieme con i prodotti dell’orto

Abbigliamento e strumenti consigliati: vestiti freschi e comodi, crema solare e cappello, coltello da campeggio, guanti da lavoro, una paletta da giardiniere e una paio di forbici per potare.

 

Sentirete un suono di fondo, non è un rumore. È una sorta di strana colonna sonora. Sono le cicale che popolano l’orto di  Michele.

 

l’intervista di Claudio Madricardo

Venezia. Michele e l’orto più bello del mondo. Video intervista ultima modifica: 2016-08-17T20:11:28+02:00 da NICOLÒ BUSETTO

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

1 commento

Avatar
Professor Morris (@Humorousources) 19 Agosto 2016 a 11:23

Ottimo articolo e video. Il luogo e Michele sono splendidi! Lo dico perché io e soprattutto mia moglie spesso zappiamo (una sorta di ..whatZapp) all’orto delle zitelle. Un giardino umano e sano, per tutti che ci vengono a trovare.

Reply

Lascia un commento