@effettoParma a catena. Per tornare alla base del Movimento 5 Stelle

scritto da NIVES GARGAGLIANO

Dopo la nascita di Effetto Parma di Federico Pizzarotti, ecco che alcune persone molto conosciute del tessuto 5 Stelle di Genova: Emanuela Burlando, Mauro Muscarà, Paolo Putti decidono di fondare Effetto Genova, affermando quanto segue:

Si può dire che non siamo noi ad uscire dal Movimento, ma è il Movimento che è uscito dal tracciato di quel volo che avevamo iniziato e che quindi ci costringe a prenderne le distanze.

Ci sarà qualche altra città in giro per l’Italia che riterrà opportuno fare questo tipo di scelta? Auspico ciò accada per non disperdere un capitale umano che si è consolidato nel corso degli anni nei propri territori. Non è il marchio che fa le persone, ma le persone valide che si sentono accomunate da determinati valori. Trovo positiva la nascita di gruppi molto legati ai propri territori che negli anni sono riusciti a radicarsi e a consolidare una mentalità portatrice di valori di matrice 5 stelle, persone che non intendono abbandonare tali valori a costo di dover rinunciare ad un marchio che non li rappresenta più.

Vedo positivamente queste liste civiche, così come vedo positivamente anche il tentativo di andare verso una Assemblea Nazionale il cui intento sia di dimostrare che ci sono molte persone che non intendono sottostare a quelle che sono delle direttive che arrivano da un Blog: totalmente anonimo, totalmente asettico e autoritario con cui non è assolutamente possibile interfacciarsi in modo umano. Persone, che sebbene arrabbiate, allo stesso tempo, gridano a gran voce di non volersene andare, perché loro sentono di essere il Movimento 5 Stelle e loro rivendicano questo senso di appartenenza.

Perché queste persone dichiarano di voler convocare un’assemblea nazionale all’interno del marchio 5 Stelle? Non c’è tra loro volontà di rottura o di scissione, ma anzi è una forte spinta nel dire:

Guardate che noi ci siamo, noi vogliamo dire la nostra, noi vogliamo essere ascoltati e ci dissociamo da quelle che sono state delle scelte fatte da non si sa nemmeno chi: guru della comunicazione, eletti con superpoteri decisionali scaturenti da rapporti fiduciari con Beppe. Queste modalità operative non rientrano nella mentalità da cui è partito tutto questo progetto.

Quindi tutte queste persone dicono: “Siete voi, Casaleggio, Staff, super-eletti” che non state operando secondo una modalità 5 stelle. Paradossalmente è lo stesso Blog che sta smentendo un modo di pensare che di fatto è stato interiorizzato da tutto il resto delle persone che da anni agiscono sul piano locale. Non a caso le più grosse difficoltà le si stanno avendo proprio nel far nascere le liste locali dei piccoli comuni, molte delle quali non riescono nemmeno a partire.

L’assemblea nazionale non significa assolutamente, che le persone vogliano fare un partito tradizionale e operare un ritorno al passato, assolutamente no. Si tratta di una rivendicazione di esistenza e di far capire che esiste una Base solida di attivisti, che non si identifica con l’iscritto virtuale del Blog il quale seguendo solo il Blog, nulla conosce delle dinamiche locali. Attivisti che dunque non si identificano con le modalità operative del “ratificante virtuale”, ma che dicono:

noi abbiamo operato sui territori anche con altre modalità, che non sono state solo virtuali, il nostro lavoro deve essere riconosciuto in modo formale e deve avere un luogo dove poter incidere a livello decisionale.

Insomma uno scollamento tra Base e Blog non più sostenibile!

In conclusione: bene che emergano pian pianino in modo spontaneo queste liste civiche che garantiscono che non vada disperso un capitale umano importantissimo, che diversamente verrebbe perso. Se queste civiche riuscissero anche collegarsi tra di loro, sarebbe veramente una cosa eccezionale.

Il logo di @effettoparma, l’account ufficiale del Meetup EffettoParma su twitter

Bene anche questo Grido che parte dalla Base 5 Stelle, di voler andare verso una sintesi assembleare che vada a prendere delle decisioni chiave da portare ai cosiddetti vertici, anche se poi di fatto molti iscritti nemmeno riconoscono più quei vertici e i relativi PS (post scriptum) che con sprezzante disumanità e totale mancanza di rispetto per i destinatari, vengono pubblicati in modo anonimo sul Blog, a margine di qualche articolo (di contenuto peraltro totalmente estraneo al PS stesso).

Occorre dunque fare un reset e ripartire avendo cura chi chiarire: chi siamo, cosa vogliamo, dove vogliamo andare e attuare una Sintesi Rifondativa.

@effettoParma a catena. Per tornare alla base del Movimento 5 Stelle ultima modifica: 2017-01-30T14:29:53+00:00 da NIVES GARGAGLIANO

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Lascia un commento