Bristol, i blitz notturni del giustiziere dell’apostrofo

Da più di dieci anni uno sconosciuto correttore del cattivo inglese s'aggira nel cuore della notte, cancellando la punteggiatura errata su insegne e cartelli stradali. La BBC ha scoperto chi è
scritto da JOHN JAY DEER

Altro che leggenda metropolitana. La storia di un tipo che a Bristol, di notte, corregge gli errori di punteggiatura sulle insegne o sulle scritte è vera, verissima.

La BBC ha scoperto chi è “il Banksy della punteggiatura” o, come si definisce lui stesso, il “vigilante della grammatica”.

Da tredici anni uno sconosciuto correttore del cattivo inglese s’aggira nel cuore della notte nelle vie di Bristol, cancellando le punteggiature errate sulle insegne degli esercizi e sui cartelli stradali e apportando le opportune correzioni. Gli apostrofi sbagliati, quelli del genitivo sassone, sono la sua ossessione.

La sua identità è ignota, ma lunedì scorso la BBC ha fatto sapere di avere scoperto chi è il giustiziere della grammatica e l’ha accompagnato in una delle sue missioni.

È un padre di famiglia. Ingegnere. “Sono un vigilante della grammatica – ha detto alla BBC – penso che sia una missione per la quale valga la pena impegnarsi”.

Tutto iniziò con un apostrofo che non c’entrava niente su un segnale. Lo cancella, poi via via gli interventi si fanno più sofisticati grazie a un aggeggio – una sorta di canna  T – che gli consente di raggiungere anche l’insegna di un negozio e di correggere i punti fuori posto, con vernice oppure con un adesivo. O di aggiungere un apostrofo, quando serve. L’ha chiamata “Apostrophizer”. Ha anche escogitato una scaletta portatile che non deve poggiare al muro più una serie di attrezzi che gli consentono di fare un lavoro pulito e chirurgico. Nega che sia un reato, la sua attività: “Criminale, caso mai, è l’uso sbagliato dell’apostrofo”.

Tutto questo nella città di Banksy, lo street artist celebre anche in virtù della sua identità segreta.

Va detto che il caso di Bristol non è il primo né l’unico.

Nelle strade di Quito da un paio d’anni s’aggirano due anonimi street artist che conducono, anche qui in piena notte, blitz per correggere errori di grammatica e di spelling sui murales della capitale ecuadoriana. I due “editor”, armati di spray rosso, definiscono la loro missione Acción Ortográfica Quito. Un’idea che ha fatto proseliti, in America Latina e in Europa.

Bristol, i blitz notturni del giustiziere dell’apostrofo ultima modifica: 2017-04-04T16:05:28+02:00 da JOHN JAY DEER

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Lascia un commento