Molière e la “Francia sottomessa”. Il sollievo è un’illusione

scritto da PATRICK GUINAND

La Francia sollevata all’indomani del voto di questo ventitré aprile? Ne siamo lontani. Certo, i mercati finanziari si sono subito compiaciuti, con succosi orientamenti al rialzo, la stampa internazionale ha giubilato, i dirigenti europei hanno respirato e si sono congratulati. Ma di fatto, niente è deciso.

Di sicuro le tartuferie di Fillon sono state punite, la psico-rigidità egocentrica di Hamon lo stesso, e i francesi, stanchi delle manovre d’apparato, hanno messo fuori gioco i partiti tradizionali di destra come di sinistra, giudicati impotenti a governare positivamente la Francia.

La morale è salva, grazie Molière, e il paesaggio schiarisce, o per lo meno si schiude. Ma è dimenticare un po’ presto che Madame Le Pen è qualificata per il voto finale. Che la condanna morale del Front National non incassa più, che il “fronte repubblicano” che aveva fatto barriera contro Le Pen padre nel 2002 non va più, anzi il contrario, e che una parte della Francia si dice che Madame Le Pen pone delle buone domande, e sarebbe anche in grado di fornire buone risposte.

E davanti a un Emmanuel Macron che, nelle prime ore del dopo primo turno, sembra fare l’errore clintoniano di considerare la vittoria come acquisita, e di posizionarsi già nel dopo secondo turno, l’arroganza acuta già sotto l’abile e giovanile stratega, Marine Le Pen è passata brutalmente all’offensiva, con, bisogna ben riconoscerlo, un certo brio.

Agli elettori di Mélanchon, i quali anche hanno rifiutato i partiti storici e provengono in gran parte dalle stesse classi socio-economiche e dalle stesse zone geografiche degli elettori del Front National, Marine Le Pen ha rivolto un appello diretto e mirato: voi elettori della “Francia non sottomessa” di Mélanchon, voi comunque non votate per la Francia sottomessa di Macron! Sottomessa alla finanza internazionale, alla mondializzazione, alla logica neoliberale distruttrice del lavoro, all’Europa cieca ai problemi nazionali, all’emigrazione incontrollata, all’islam espansionista, alla perdita progressiva della laicità.

Tutti temi ai quali effettivamente gli elettori di Mélanchon, anche con una lettura di sinistra radicale, sono più che sensibili. E d’altra parte, se circa una metà degli elettori di Mélanchon si dice pronta a votare Macron, la maggioranza annuncia di farlo a malincuore, quasi con repulsione nei confronti dell’ex banchiere di Rothschild e ministro di Hollande. E gli altri dicono di volersi astenere, oppure votare scheda bianca, o anche, per un nove per cento, o il sedici secondo altri sondaggi, votare Le Pen.

Marine Le Pen

Evidentemente l’impatto psicologico e mediatico di questo termine di “Francia sottomessa” non è da sottostimare. Il romanzo di Houellebecq “La Sottomissione”, dove di rinuncia in rinuncia, di tolleranza benpensante in scivolamenti ideologici, la Francia finisce per eleggere un presidente di religione musulmana, e integra l’intolleranza islamica come un valore comune, è ancora in tutte le teste. Ed è riferimento per il declinismo circostante.

E nel gennaio passato lo storico Georges Bensoussan, specialista dell’antisemitismo e della Shoah, poco sospettabile di compiacenza nei confronti delle tesi frontiste, ha pubblicato un’opera che si è fatta notare sulla crescita esponenziale dell’islam radicale in Francia, quindici anni dopo il suo studio sui “territori perduti della Repubblica”, sotto il titolo Una Francia sottomessa.

Marine Le Pen ha dunque fatto un colpo semantico perfetto, evocando per analogia una Francia “houellebecqizzata”, o islamizzata, se mai si gettasse nelle braccia del mondialista neoliberale Macron. Senza parlare del ribaltamento semantico, di cui le estreme destre sono ovunque state maestre, quando si ricorda la Francia occupata e pétainista, descritta dai commentatori di allora, dopo l’armistizio del 1940 firmato da Pétain, come una Francia sottomessa, all’occupante germanico e al potere nazista. Quando si conoscano le origini ideologiche dei fondatori del Front National, ciò non manca di sale.

Dunque, se si capisce bene, la Francia non sottomessa, quella vera di oggi, è quella di Madame Le Pen. Una Francia che, dopo le prime proiezioni statistiche sulla base dei risultati del primo turno delle presidenziali, potrebbe inviare un centinaio di deputati frontisti al parlamento nelle prossime legislative. Mélanchon deve dunque ormai battersi come un leone per conservare la proprietà dell’etichetta dei “non sottomessi”. E tentare di fare contrappeso in parlamento.

Ma anche lì l’affare non è concluso. La destra conservatrice vendicativa, libera dalla stampigliatura “fillonesca” indegna e amorale, forte dei suoi bastioni e personalità locali, potrebbe raccogliendo le forze ottenere un risultato alle legislative molto più alto che al primo turno delle presidenziali. E creare in parlamento una forza di blocco, costringendo il presidente Macron alla coabitazione. E pure, andiamo un po’ più lontano, associandosi con gli eletti del Front National, rendere la Francia ingovernabile.

L’ambizioso e giovane cinquantenne Baroin, “sarkozysta” e presidente dell’associazione dei sindaci di Francia, interpellato da Fillon per essere il suo primo ministro in caso di vittoria, in apparenza per evitare il peggio, ha già fatto delle offerte di servizio a Macron per divenire, grazie all’alleanza, suo prossimo primo ministro.

Emmanuel Macron

L’ipocrisia è un vizio alla moda” diceva già il molto flautato Molière, nel suo Don Giovanni. E la fiera delle vanità è senza limiti. In ogni caso, l’esercizio di alta acrobazia per aggregare tendenze e sensibilità di tutte le sponde in un governo sostenibile può rivelarsi molto frustrante, una sorta di riciclaggio “hollando-sarkozysta” sotto mentite spoglie, in breve un tradimento generalizzato.

Emmanuel Macron è persuaso di sottrarsi a queste pratiche turpi, e che gli elettori gli daranno una maggioranza assoluta in parlamento, votando per i candidati del suo movimento En Marche!, ribaltando anche con nuovi volti e nuove pratiche i giochi parlamentari abituali. Questo ottimismo si addice al temperamento del giovane prodigio al quale finora tutto è riuscito. Alcuni osservatori, compresi alcuni dei suoi propri ranghi, cominciano a dubitarne.

E se accadesse ciò, ovvero se non ottenesse che una maggioranza relativa, comincerebbero di nuovo le trattative d’apparato, come ai buoni vecchi tempi, e i compromessi programmatici, uccisori del rinnovamento della vita politica e governativa. Ed egli non potrebbe a lungo governare per decreti, come ha per esempio annunciato per l’inizio del suo mandato in materia sociale e del diritto del lavoro. Una cosa del genere la Francia “ribelle”, di sinistra come di destra estrema, ovvero più del quaranta per cento dei votanti del primo turno, o anche il quarantotto per cento se si contano i trotzkysti e i sovranisti, non l’accetterebbe senza ribellarsi.

Alcuni dicono anche che la crisi istituzionale minaccia a breve. E che Macron rischia di offrire un’autostrada a Madame Le Pen per le prossime elezioni presidenziali, tra cinque anni o anticipate.

I nostri due finalisti, l’uno avendo scacciato il poco amato Hollande verso l’uscita, e l’altra avendo gettato nella spazzatura lo spauracchio del padre, hanno un punto in comune: la pratica non incosciente del parricidio. I nostri amici greci dell’antichità ci avevano già messo in guardia, in qualche celebre tragedia, che ciò non avrebbe fatto presagire nulla di buono in generale di una società armoniosa nel suo immediato futuro.

Il sollievo, tanto lodato all’estero, non è dunque che un’illusione. Il clima in Francia non è davvero eccellente. L’indomani somiglia infatti a una canzone triste, e non è mai piacevole fare la Cassandra. Resta da sperare che la politica reale smentisca la politica “fiction”. Ma per dirla tutta, anche con Macron, Molière continua a non sorridere per nulla.

traduzione di Claudio Madricardo

Molière e la “Francia sottomessa”. Il sollievo è un’illusione ultima modifica: 2017-04-28T21:53:21+00:00 da PATRICK GUINAND

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Lascia un commento