Referendum Venezia/Mestre. In gioco è la sorte della città, non di Brugnaro

scritto da ADRIANA VIGNERI

Il progetto, irresponsabile, di dividere Venezia in due comuni, mette in gioco il futuro di Venezia, come luogo capace di relazioni e sviluppo, come città metropolitana, come capoluogo di regione. Non si possono porre limiti al futuro. Perché quello che non è ancora avvenuto può avvenire, in futuro, perché gli amministratori e i politici che non ci sono oggi potranno esserci domani. Come ci sono stati in passato.

E di che cosa si occupano la stampa e il cicaleccio cittadino? dei posti, delle careghe e di chi le occuperà. Quanto presto Brugnaro cadrà.

Non abbiamo ancora la data del referendum, l’avremo presto, ora che il Consiglio regionale del Veneto ha individuato la popolazione che vota, una volta caduta l’astrusa idea che dovesse votare l’intera area metropolitana (mischiare mele con pere). Non abbiamo ancora la data del referendum, e già ti chiedono quando Brugnaro cadrà. E’ in gioco ben altro, della testa di un sindaco di passaggio.

In ogni caso, calma. Prima occorre votare. Fissata la data del voto, il Tribunale amministrativo di Venezia, opportunamente richiesto, potrebbe sospendere le operazioni, per rilevanti ragioni di illegittimità dell’iniziativa, ed anche rinviare alla Corte costituzionale. E se anche questo non avvenisse, e il referendum si celebrasse, occorrerebbe attendere la legge regionale istitutiva del nuovo comune, che il governo potrebbe impugnare, sempre che non sia troppo distratto, avanti la Corte costituzionale. Quindi calma.

Soltanto dopo, se nulla avrà fermato la creazione del Comune di Mestre, il consiglio comunale di Venezia verrà sciolto (avrebbe perso molto più di un quarto del suo territorio) e Brugnaro alle successive elezioni potrebbe non avere più interesse a candidarsi sindaco di un grande museo all’aria aperta.
Allora ci vestiremo a lutto.

Referendum Venezia/Mestre. In gioco è la sorte della città, non di Brugnaro ultima modifica: 2017-07-11T20:55:41+00:00 da ADRIANA VIGNERI

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

1 commento

Alvise 14 luglio 2017 a 1:37

chi ha votato questa signora nel giugno 2015? temo di saperlo.

Reply

Lascia un commento