Porto Marghera. La fotografia racconta

“Avevo paura del petrolchimico”. Un bel libro di immagini e testo del fotoreporter Andrea Merola con introduzione di Gianfranco Bettin, nel centenario del polo industriale veneziano.
scritto da ELISABETTA TIVERON

Non sono molti i libri usciti in occasione del centenario di Porto Marghera. Tra questi, un posto particolare occupa il volume fotografico di Andrea Merola, “Avevo paura del petrolchimico”, curato da Rosebud2 e acquistabile online.

Fotoreporter veneziano – dal 1995 corrispondente dell’agenzia Ansa dopo aver documentato per anni l’attualità della città lagunare per testate nazionali ed internazionali – Merola ci regala una preziosa testimonianza visiva delle lotte delle lavoratrici e dei lavoratori di Porto Marghera dagli anni Ottanta dello scorso secolo a oggi. Testimonianza visiva che dà un volto a donne e uomini (tanti, tantissimi) impegnati nella difesa del posto di lavoro. Folle oceaniche che sfilano in corteo, bloccano strade e autostrade, ma anche mobilitazioni da parte dei dipendenti di singole aziende, o di piccoli gruppi di lavoratori.

Oltre a fotografare, Andrea Merola scrive, racconta con le parole la sua storia, che incontra molto presto quella degli operai. Racconta dell’affacciarsi a un mondo sconosciuto, per un giovane nato e cresciuto tra calli e rii: scoperta, fascinazione, empatia. Racconta la distensione dei rapporti (inizialmente non sempre fluidi) tra lavoratori e studenti; l’inizio dello spostamento delle aziende all’estero, tra le cause delle manifestazioni documentate; la questione sempre più deflagrante del disastro ambientale e della tutela della salute. Racconta, con immagini e parole, l’orgoglio operaio.

È un libro di testimonianza e autobiografia pieno di umanità, sentito nel profondo, arricchito da una bella introduzione di Gianfranco Bettin.

Porto Marghera. La fotografia racconta ultima modifica: 2018-04-17T14:40:37+01:00 da ELISABETTA TIVERON

VAI AL PROSSIMO ARTICOLO:

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Lascia un commento