Pepe Mujica, voce critica del Sud America

L’ex presidente dell’Uruguay rimane una delle voci libere più forti della sinistra latinoamericana. E l’ex guerrigliero non ha fatto mancare le proprie critiche ai compagni di strada. Da Maduro a Ortega.
scritto da CLAUDIO MADRICARDO

Pepe Mujica, la faccia buona della sinistra latinoamericana, riceverà il prossimo 21 agosto a La Zubia, un paesino nei pressi di Granada, il “Laurel de Plata”, premio concesso dal festival che si organizza nella cittadina andalusa a musicisti e poeti. Lo ha annunciato il sindaco della  piccola località del sud della Spagna, Antonio Molina portando a segno un indubbio successo pubblicitario per La Zubia che ospita una manifestazione dedicata alla poesia e alla musica.

Commentando la decisione della direzione della manifestazione, Molina ha detto che

Mujica è un faro internazionale di valori e umanesimo, decenza e buon operare, per il futuro dell’umanità. Ogni giorno cerco di somigliare a lui e per me è un orgoglio che  venga a La Zubia e che il mio paese sia conosciuto a livello mondiale per ricevere una personalità come Pepe Mujica.

Dal canto suo, il curatore della manifestazione Pedro Enríquez ha spiegato che si tratta di un riconoscimento dello sforzo di una persona per la quale la relazione tra parola e azione è particolarmente vincolata, “in modo che quel si dice di fa e si fa di conseguenza”.

Con la sua azione, ha spiegato il curatore,  Mujica ha fatto apprezzare il suo paese in tutto il mondo suscitando speranza, il che permette di sentire ammirazione al di là della sua stessa vita, e spiega la ragione della concessione del premio che in precedenti edizioni è andato a personalità artistiche del calibro di Luis Eduardo Aute, Ernesto Cardenal, Rafael Guillén, Antonio Gala e Luis García Montero.

Ex guerrigliero, eletto nel 2010 alla massima carica dell’Uruguay, l’ottantatreenne Mujica vive in una piccola fattoria alla periferia di Montevideo ed è passato alla storia come il “presidente più povero del mondo” avendo deciso di destinare il 90 per cento del suo compenso a favore di organizzazioni non governative.

Coscienza critica della sinistra latinoamericana, attualmente è senatore per il Frente Ampio per il quale ha preso la parola lo scorso 18 luglio nel dibattito che il senato uruguaiano ha dedicato alla crisi nicaraguense.

Mi sento male perché conosco gente vecchia come me e ricordo compagni che hanno perso la vita in Nicaragua combattendo per un sogno … e mi dispiace che quello che fu un sogno prende un’altra strada e cade nell’autocrazia, e vedo che quelli che ieri furono rivoluzionari hanno perso il senso della vita. Ci sono momenti in cui bisogna dire me ne vado.

ha detto Mujica nel corso del dibattito, chiedendo a Daniel Ortega la rinuncia al potere, dopo che dal 18 aprile scorso in tutto il Nicaragua si sono scatenate proteste che hanno generato numerosissime vittime.

Una libertà di giudizio che è stata criticata già l’indomani da Diosdado Caballo, ex braccio destro di Hugo Chavez e attuale presidente dell’Assemblea Costituente del Venezuela, e che fa seguito a altre affermazioni critiche dell’ex presidente uruguaiano che a proposito di Nicolás Maduro ha avuto modo di dire che “è matto come una capra”.

Un’opinione che deve essere poi abbastanza condivisa da parte dei governanti latino americani, compresi quelli che sostengono il presidente venezuelano per ‘ragioni di ufficio” e che vedrebbero forse  di buon occhio una politica meno catastrofica di quella che Maduro sa attuare nel martoriato Venezuela.

Con la sua uscita su Mujica, Cabello lo ha persino accusato di star pensando a candidarsi alla presidenza un’altra volta, e di non rendersi conto che “se cade il Nicaragua, cadranno tutti i paesi dell’America Latina”.

E mette in luce ancora una volta la distanza siderale che separa sempre più le classi dirigenti al potere nei residui paesi governati dalla sinistra, talvolta tentata anche a ricorrere a forzature delle regole democratiche, quando non a veri e propri brogli,  pur di rimanere in sella, col risultato di generare il sospetto che si sia in presenza di tentativi di oligarchie di perpetuarsi. Dalle coscienze critiche latino americane di cui Pepe Mujica, con ultimo Leonardo Boff sul Nicaragua, è un esempio riconosciuto a livello mondiale.

Il vecchio conflitto, l’antica lotta tra il potere generato da valori che, per sopravvivere, è costretto a negare, e la  riaffermazione di quei valori a prescindere. Su questo terreno, in America Latina come ovunque, a ciascuno di noi spetta decidere come schierarsi.

Pepe Mujica, voce critica del Sud America ultima modifica: 2018-08-05T16:42:24+00:00 da CLAUDIO MADRICARDO

VAI AL PROSSIMO ARTICOLO:

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Lascia un commento