Venezia. 25 aprile 2019

YTALI
Condividi
PDF

Nel campo del Ghetto nuovo, come ogni anno, il 25 aprile, la cerimonia per la Liberazione. A Venezia la Festa della Liberazione cade nel giorno della Festa del patrono della città, San Marco, con l’usanza ancora viva del dono di un bocciolo di rosa, il “bocolo” in dialetto, all’innamorata, anzi, secondo la tradizione, a tutte le donne.


Alle 11.30, lungo il Percorso della Memoria tra le calli veneziane, cantando “Bella Ciao”, un corteo guidato da Anpi e Iveser ha raggiunto il campo del Ghetto dove già s’era radunata tanta gente in una calda giornata di sole, mentre la Banda musicale di Pellestrina preparava gli strumenti con cui poi avrebbero eseguito l’inno di Mameli, con l’alzabandiera, e “Bella Ciao” nel finale.


Sul palco il presidente della comunità ebraica veneziana, Paolo Gnignati, l’ex presidente dell’Anpi, Carlo Smuraglia, e il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro.


Una bella festa di popolo. La racconta il resoconto fotografico che segue.

Venezia. 25 aprile 2019 ultima modifica: 2019-04-25T18:54:38+02:00 da YTALI
Iscriviti alla newsletter di ytali.
Sostienici
DONA IL TUO 5 PER MILLE A YTALI
Aggiungi la tua firma e il codice fiscale 94097630274 nel riquadro SOSTEGNO DEGLI ENTI DEL TERZO SETTORE della tua dichiarazione dei redditi.
Grazie!

VAI AL PROSSIMO ARTICOLO:

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Lascia un commento