Yemen, tragedia infinita

Mentre la politica internazionale gioca sullo scacchiere mediorientale, Medici senza frontiere cerca di salvare una popolazione allo stremo e in condizioni sanitarie degradate.
scritto da UMBERTO DE GIOVANNANGELI

Il Golfo Persico è al centro dell’attenzione internazionale. I riflettori mediatici si sono accesi sulle petroliere “silurate” e sulle accuse rivolte dall’amministrazione Trump all’Iran, con tanto di video che, nell’intenzione dei falchi di Washington, avrebbero dovuto inchiodare Teheran alle proprie responsabilità. Ma video, accuse e controaccuse, stornano l’interesse sulla tragedia senza fine che si sta consumando, nel disinteresse complice della comunità internazionale in Yemen. Ytali quei riflettori non li ha mai spenti, dando conto delle drammatiche denunce di quelle agenzie umanitarie che, eroicamente, continuano ad operare sul campo.

In Yemen una donna e sei neonati muoiono ogni due ore a causa di complicazioni durante la gravidanza o il parto, lo afferma l’Unicef nel primo di una serie di report sulla salute materna e infantile nel paese. Secondo Henrietta Fore, direttore generale Unicef:

Dare alla luce un bambino in Yemen può troppo spesso trasformarsi in una tragedia per intere famiglie. Decenni di sottosviluppo e anni di intensi combattimenti hanno lasciato sull’orlo del collasso totale i servizi pubblici essenziali, compresa l’assistenza sanitaria fondamentale per le madri e i bambini.

La serie Childbirth and parenting in a war zone, lanciata questa settimana, mostra anche che il tasso di mortalità materna è cresciuto ampiamente dall’escalation del conflitto: da cinque madri al giorno che morivano nel 2013 a dodici al giorno nel 2018.

Altri dati del Rapporto: una donna ogni duecento e sessanta muore durante la gravidanza o il parto; solo tre parti su dieci avvengono in strutture sanitarie; un neonato su trentasette muore nel primo mese di vita; una ragazza adolescente su quindici ha partorito tra i 15 e i 19 anni; 1,1 milioni di donne in gravidanza e che allattano hanno bisogno di cure per la malnutrizione acuta grave.

L’accesso a servizi sanitari di qualità pre e post parto sono cruciali per la sopravvivenza di una madre e un neonato. In assenza di servizi adeguati e a causa dello scarso accesso e costi per il trasporto insostenibili, gli operatori sanitari delle comunità stanno presto diventando “l’ultima speranza” per le donne e i bambini – soprattutto nelle aree remote, rurali e colpite dalla guerra. Tuttavia, anch’essi troppo spesso si trovano ad affrontare sfide come l’insicurezza e la mancanza di rifornimenti e trasporti.

La metà di tutte le strutture sanitarie in Yemen non è operativa a causa della mancanza di personale, di rifornimenti, dell’incapacità di far fronte ai costi operativi o a causa  di accesso limitato. Coloro che ancora lavorano devono affrontare gravi carenze di medicinali, attrezzature e personale e mettono a rischio la vita.

Lavorando con i suoi partner sul campo, l’Agenzia delle Nazioni Unite per l’Infanzia, sta supportando servizi di distribuzione di aiuti su base comunitaria e strutture sanitarie di base, con particolare attenzione alle cure continue prima e durante la gravidanza, vicino e dopo il parto, sia per la madre sia per il bambino. A livello comunitario, l’Unicef e i suoi partner sostengono anche le ostetriche e i volontari sanitari comunitari per la gestione dei casi di malattie dell’infanzia comuni e l’assistenza materna e neonatale a domicilio.

L’Unicef invita tutte le parti in conflitto e la comunità internazionale a concentrare le risorse sulle comunità povere, emarginate e sfollate all’interno del paese; proteggere il sistema sanitario del paese, con particolare attenzione all’assistenza sanitaria di base; riprendere il pagamento degli stipendi degli operatori del settore sanitario e sostenere gli incentivi per il personale coinvolto nell’erogazione di servizi salvavita; sostenere e ampliare i programmi di protezione sociale sanitaria, come i trasferimenti di denaro contante per le famiglie vulnerabili e i buoni sanitari.

Rimarca Fore:

L’assistenza prenatale e l’assistenza sanitaria qualificata al parto sono essenziali per la sopravvivenza sia delle madri che dei bambini. Mentre il mondo celebra il trentesimo anniversario della Convenzione sui diritti dell’infanzia, rinnoviamo il nostro appello affinché tutti i bambini – nello Yemen e altrove – godano dei loro pieni diritti alla salute, all’istruzione, alla protezione e alla pace.

In questa sporca guerra, tutto è consentito: non esiste differenza tra miliziani in armi e popolazione civile. Nel mirino della coalizione a guida saudita, in guerra contro la minoranza sciita Houthi, sostenuta dall’Iran, sono entrati da tempo ormai anche gli ospedali. Centinaia di strutture sanitarie in tutto il paese hanno smesso di funzionare a causa di attacchi aerei, bombardamenti, mancanza di forniture, finanziamenti o personale.

Il crescente costo della vita ha reso estremamente difficile soddisfare le esigenze primarie per le famiglie, ha denunciato Medici senza frontiere (Msf) in un recente report. Msf ha ampliato le proprie attività per affrontare la mancanza di assistenza sanitaria e aiutare il crescente numero di vittime della guerra. Alla fine del 2016, l’équipe di Msf forniva direttamente assistenza sanitaria ai pazienti in dodici ospedali e sostenevano almeno altre diciotto strutture sanitarie. Nel 2016, più di 32.900 pazienti in strutture gestite o supportate da Msf hanno ricevuto trattamenti per violenza fisica intenzionale, comprese le ferite di guerra. Di questi pazienti, 15.800 sono stati trattati da équipe di Msf.

Grazie a quasi 1.600 collaboratori, tra i quali 82 operatori internazionali, il programma di Msf in Yemen è infatti uno dei più importanti in tutto il mondo in termini di personale.

A Sa’ada, le équipe hanno lavorato nei reparti di maternità, chirurgia e medicina generale e hanno fornito assistenza sanitaria e fisioterapia nell’ospedale di Al Jomhouri. Msf ha inoltre fornito assistenza in pronto soccorso e nel reparto di maternità dell’ospedale di Shihara, colpito da un missile nel mese di gennaio del 2016. Il centro sanitario di Haydan è stato colpito da un attacco aereo nell’ottobre del 2015 e Msf ha continuato a lavorare lì fino ad agosto 2016. A Hajjah, Msf forniva assistenza sanitaria salvavita nell’ospedale di Al Jumhouri nella città di Hajjah e gestiva il reparto di emergenza, il reparto ospedaliero, i reparti di pediatria e maternità presso l’ospedale di Abs, oltre ad effettuare interventi chirurgici in entrambe le sedi. Msf ha ritirato temporaneamente le sue équipe dai due ospedali dopo l’attacco aereo sull’ospedale di Abs il 18 agosto 2016, ma ha ripreso a lavorare nel governatorato di Hajjah nel mese di novembre.

Msf ha anche aperto un centro nutrizionale terapeutico ad Abs all’inizio di dicembre 2016 e ha inviato altri casi complicati agli ospedali specializzati di Hajjah, Sana’a e Hudaydah. Msf ha inoltre svolto attività medica decentrata per le persone che vivono dentro e nei dintorni dei campi per gli sfollati interni nel distretto di Abs. Le équipe di Msf hanno fornito assistenza medica e servizi di salute mentale. Alla fine dell’anno, Msf ha inoltre ampliato il proprio sostegno all’unità di maternità dell’ospedale di Hajjah.

Ad Amran, molte persone sono fuggite dal conflitto in altre parti del paese per stabilirsi nel governatorato relativamente tranquillo di Amran. MSF supporta l’assistenza sanitaria e gestisce sistemi di riferimento nell’ospedale di Al-Salam e in quattro centri sanitari. Dona anche attrezzature mediche e logistiche.

Nel mese di maggio, Msf ha condotto una campagna per la cura della scabbia, fornendo assistenza medica, trattando gli indumenti con acqua bollente per liberarli dal parassita, nonché distribuendo sapone e altri articoli, al fine di migliorare l’igiene nei campi per sfollati interni di Khamir e Huth.

A Sana’a, Msf sostiene il reparto di pronto soccorso e la sala operatoria nell’ospedale di Al-Kuwait a Sana’a e dona forniture di emergenza agli ospedali di Al Jomhouri, Al-Thawra e Al-Sabeen. L’assistenza sanitaria materno-infantile è una parte importante del lavoro di Msf presso l’ospedale di Al Sabeen.

Afrah Nasser, giornalista yemenita che gestisce il sito web Sana’a Review, dice a Marco Magnano, in un documentato articolo su Riforma.it, che la maggior parte degli yemeniti è troppo occupata con la sopravvivenza quotidiana per preoccuparsi delle politiche regionali. Dice Nasser infatti che:

Né i sauditi né gli iraniani sono nostri amici. A nessuno importa delle nostre vite e di tutto ciò che stiamo vivendo.

Ma lo Yemen è il “cortile di casa” del Regno. L’Arabia Saudita ha sostenuto

[…] tutti gli sforzi per raggiungere una soluzione politica alla crisi in Yemen, ma le milizie Houthi danno priorità all’agenda iraniana rispetto agli interessi del paese e della popolazione

sentenzia il principe ereditario saudita, Mohammed bin Salman (Mbs per i media internazionali) in una lunga intervista rilasciata al quotidiano panarabo Asharq al Awsat.

Di recente abbiamo assistito all’attacco terroristico contro gli impianti petroliferi e l’aeroporto di Najran (Arabia Saudita), che gli Houthi si sono vantati di rivendicare. Ciò dimostra ancora una volta che queste milizie non si preoccupano degli interessi del popolo yemenita o di alcun processo politico per risolvere la crisi. Le loro azioni riflettono le priorità di Teheran, non di Sana’a

sostiene Mbs. Nessuno spiraglio per il dialogo, nonostante gli appelli alla moderazione e i piani di pace sfornati dall’Onu, le cartoline dall’inferno continueranno. L’inferno in terra: lo Yemen.

Yemen, tragedia infinita ultima modifica: 2019-06-16T20:39:04+02:00 da UMBERTO DE GIOVANNANGELI

VAI AL PROSSIMO ARTICOLO:

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Lascia un commento