“Libia. L’Italia da sola non basta, ci vuole l’Europa”

“La UE dovrebbe agire con ancora maggiore unità e impegno per porre fine alla guerra in corso”. Intervista con Ghassan Salamé, inviato speciale delle Nazioni Unite.
scritto da UMBERTO DE GIOVANNANGELI
Condividi
PDF

Chi scrive conosce da tempo Ghassan Salamé, da quando era uno dei più apprezzati politici e diplomatici libanesi. Misurato, mai incline alla drammatizzazione, non amante della ribalta mediatica, ha sempre preferito lavorare sottotraccia, perché, ebbe a dire in un nostro incontro, “la diplomazia è questo: fare, non apparire”. Questa premessa personale, permette, credo, di cogliere appieno la portata del grido d’allarme che Salamé, inviato speciale delle Nazioni Unite per la Libia, ha lanciato da Roma, dove è intervenuto alla conferenza Med Dialogues. L’alternativa a una Libia di pace e prosperità “è orribile”, e se non cesserà il conflitto

temo un bagno di sangue a Tripoli, temo un grande movimento migratorio di popolazioni, ci saranno masse di sfollati che ricadranno in tutti i Paesi vicini, come Niger, Algeria, Tunisia, Sudan, e temo che andremo ad aggiungere punti controversi a una lista su cui già le grandi potenze non si trovano d’accordo,

ha affermato Salamé nel suo intervento. E con ytali ha approfondito la tematica, tratteggiando un quadro altamente inquietante.

In Libia l’unico linguaggio praticato è quello delle armi. Tripoli è da tempo sotto assedio delle milizie fedeli all’uomo forte della Cirenaica, il generale Khalifa Haftar. Non c’è via d’uscita a una guerra civile che sembra non aver mai fine?
Mi rifiuto, ci rifiutiamo, di considerare la guerra un destino ineluttabile per il popolo libico, una condanna a morte inappellabile. Anche in questi mesi in cui sembra che l’unica “diplomazia” esistente sia quella delle armi, abbiamo lavorato per non spezzare i fili del dialogo e per fare della Conferenza di Berlino un momento importante, cruciale, perché tutti i protagonisti interni ed esterni allo scenario libico si assumano le loro responsabilità. Di una cosa sono certo: non esiste una soluzione militare alla crisi libica.

Lei fa riferimenti agli attori esterni. Non le chiedo di farne i nomi, ma quel che è certo è che ormai da tempo il conflitto in Libia si è trasformato in una guerra per procura…
Purtroppo è così, Dall’inizio della crisi, il livello delle interferenze esterne è aumentato e sono aumentati gli approvvigionamenti di armi, ma non possiamo permettere che questo accada all’infinito…

Una denuncia che è stata uno dei punti centrali del suo intervento. Può entrare ancor più nel dettaglio?
I pericoli e le conseguenze dirette dell’interferenza straniera sono sempre più evidenti. Per colmare le lacune nella forza lavoro, vi è un crescente coinvolgimento di mercenari e combattenti di compagnie militari private straniere. L’inserimento di questi combattenti esperti ha naturalmente portato a un’intensificazione della violenza. Sono gravemente preoccupato dall’espansione del fuoco di artiglieria verso nord nella città di Tripoli. Negli ultimi giorni, il numero di civili uccisi e feriti è aumentato e molte famiglie stanno lasciando le aree colpite dai bombardamenti. Un’ulteriore escalation dei combattimenti a terra in queste aree densamente popolate porterebbe a disastrose conseguenze umanitarie.

L’uso della potenza aerea e della tecnologia di precisione è diventato una caratteristica dominante di un conflitto altrimenti a bassa intensità. L’UNSMIL (la missione Onu per la Libia, ndr) stima il numero totale di attacchi di droni a sostegno delle forze dell’esercito nazionale libico a ben oltre ottocento dall’inizio del conflitto. Il numero totale di attacchi di droni a sostegno del governo di Accordo nazionale è stimato a circa 240. A nostro giudizio, l’infrastruttura e le operazioni dei droni sono facilitate da parti esterne al conflitto. Ci sono stati anche diversi episodi di attacchi aerei di precisione condotti da aerei sconosciuti tra settembre e novembre. Inoltre, il crescente uso di bombe non guidate negli attacchi aerei condotti dalle forze dell’LNA nelle aree popolate di Tripoli ha causato un aumento del numero di vittime civili. La violenza è facilitata dalla pletora di armi dell’era di Gheddafi in Libia, nonché dalle continue spedizioni di materiale bellico portato nel paese in violazione dell’embargo sulle armi. I rapporti indicano che tutto, dai pezzi di ricambio per aerei da combattimento ai carri armati, dai proiettili ai missili di precisione, vengono portati in Libia a sostegno di diversi gruppi coinvolti nei combattimenti.

Mediterranean Dialogues

Lei ha fatto riferimento agli sforzi compiuti per mantenere invita il dialogo, sottolineando l’importanza del coinvolgimento delle amministrazioni locali libiche.
Quello a cui lei fa riferimento è un lavoro estremamente importante anche se non ottiene l’attenzione dei media internazionali. Per affrontare la polarizzazione nel paese, abbiamo ospitato due seminari per arginare l’incitamento e l’uso della retorica odiosa nei media. I seminari hanno riunito giornalisti, redattori e attivisti dei social media con istruttori di diritti umani e rappresentanti delle piattaforme di social media. Il nostro obiettivo finale è quello di concludere un codice di condotta per i media in Libia. A livello di base, abbiamo organizzato l’ultimo di una serie di tre eventi a metà ottobre per sostenere i mediatori locali. Oltre 120 libici, tra cui 23 donne, hanno partecipato a questi incontri che mirano a stabilire una rete nazionale di mediatori che includerà leader tribali, anziani, rappresentanti della società civile, attiviste per giovani e donne, accademici e uomini d’affari, che godono di credibilità e rispetto tra i loro vari collegi elettorali.

Dall’inizio del 2019, la violenza in Libia ha avuto un impatto devastante sull’assistenza sanitaria nel paese con sessanta attacchi contro strutture sanitarie, personale medico e ambulanze registrati. Abbiamo osservato un chiaro modello di attacchi aerei di precisione contro le strutture mediche delle forze governative del GNA (Il Governo di Accordo Nazionale guidato da Fayez al-Sarraj, l’unico riconosciuto ufficialmente dall’Onu, ndr). Dirigere intenzionalmente attacchi contro strutture e personale medico, uccisioni intenzionali o danni a persone malate o ferite può costituire un crimine di guerra. Migranti e rifugiati continuano a essere a rischio di uccisioni illegali, torture e altri maltrattamenti, detenzione arbitraria e privazione illegale di libertà, stupro e altre forme di violenza sessuale e di genere, schiavitù e lavoro forzato, estorsione e sfruttamento. Persistono gravi preoccupazioni anche per quanto riguarda il trasferimento di migranti intercettati in mare dalla Guardia costiera libica verso centri di detenzione ufficiali e non ufficiali tra cui il centro di detenzione di Zawiya e il centro di detenzione di Tajoura, che le autorità affermarono il 1° agosto 2019 che dovevano essere chiuse. Una valutazione del settore sanitario condotta nell’ottobre 2019 ha rivelato un forte aumento delle esigenze sanitarie non soddisfatte, in particolare per le donne e le ragazze. Oltre il 24 per cento delle strutture sanitarie è chiuso a causa di conflitti, tagli di elettricità o danni strutturali e i servizi sono interrotti in molte altre strutture sanitarie. I bambini non sono in grado di raggiungere le scuole, dozzine delle quali sono state distrutte. Quasi altre trenta scuole vengono utilizzate come rifugi per gli sfollati. Quest’anno le Nazioni Unite e i suoi partner umanitari hanno raggiunto oltre 310.000 persone con assistenza umanitaria. Sfortunatamente, le esigenze umanitarie superano i mezzi a nostra disposizione. Ad oggi, è stata finanziata meno della metà dell’appello per 202 milioni di dollari nell’ambito del piano di risposta umanitaria in Libia.

In precedenza, lei ha fatto riferimento alla Conferenza di Berlino che dovrebbe svolgersi all’inizio del 2020. Come stanno andando i lavori preparatori, per quello che è possibile sapere?
Nelle ultime discussioni preparatorie, i partecipanti hanno lavorato per concordare un progetto che delinea sei cesti di attività necessari per porre fine al conflitto in Libia. Questi sei canestri comprendono la necessità di ritornare al processo politico guidato dalla Libia e di accompagnare le riforme economiche; un cessate il fuoco, l’attuazione dell’embargo sulle armi e la riforma della sicurezza; nonché il rispetto dei diritti umani internazionali e del diritto umanitario. Mettere l’attuazione dell’embargo sulle armi al centro dell’impegno internazionale è essenziale in termini pratici e come messaggio per il popolo libico. Non farlo, sarebbe un tradimento degli sforzi di pace.

Il ministro degli esteri Luigi Di Maio e Ghassan Salamé, inviato speciale delle Nazioni Unite per la Libia

Quale ruolo ha svolto e può continuare a svolgere l’Italia nella crisi libica?
Un ruolo di primo piano. L’Italia non ha mai fatto mancare il suo sostegno agli sforzi di pace, come dimostra, tra l’altro, la Conferenza internazionale per la Libia svoltasi nel novembre 2018 a Palermo. Un impegno che si realizza nel far fronte, spesso da sola, al fenomeno delle migrazioni. L’Italia ha scelto di essere dalla parte del popolo libico e non di una fazione. Un impegno che il presidente Conte si è assunto personalmente e di questo gliene va dato merito. Ma l’Italia da sola non può bastare. È l’Europa che dovrebbe agire con ancora maggiore unità e impegno per porre fine alla guerra in corso.

“Libia. L’Italia da sola non basta, ci vuole l’Europa” ultima modifica: 2019-12-07T18:00:52+01:00 da UMBERTO DE GIOVANNANGELI

Lascia un commento