San Marco sott’acqua. Photogallery del reporter Andrea Merola

scritto da YTALI
Condividi
PDF

Secondo i Proti di San Marco, le ultime acque alte hanno causato ulteriori danni alla basilica di San Marco per circa tre milioni e mezzo di euro. Eppure, osservandola mentre passeggiamo lungo piazza San Marco, sembra in buona salute: è ancora là in fondo alla piazza, con tutte le statue e colonne e capitelli in piedi. Infatti bisogna avvicinarsi, e di molto, per capire come sta veramente: ecco una rassegna di foto dove in primo piano sono crepe e sgretolamenti, solo alcuni, quelli raggiungibili ad altezza d’uomo, ma è tutto l’edificio che lentamente si sta aprendo e sgretolando per la corrosione dell’umidità salina.

Sono danni sottili, sfuggono alla vista da lontano. Qualcuno suggerì l’idea di trasportare la basilica all’asciutto delle dolomiti, lontano dalle acque della laguna. È solo una battuta, ma sicuramente, di questo passo, si scioglierà come una statua di sale, per citare la Bibbia. (Andrea Merola)

© ANDREA MEROLA
© ANDREA MEROLA
© ANDREA MEROLA
© ANDREA MEROLA
© ANDREA MEROLA
© ANDREA MEROLA
© ANDREA MEROLA
© ANDREA MEROLA
© ANDREA MEROLA
© ANDREA MEROLA
© ANDREA MEROLA
© ANDREA MEROLA
Una crepa visibile sulla base del colonnato della basilica di San Marco, allagata dall’acqua alta che oggi, 15 dicembre 2019, ha toccato 120 cm sul medio mare. © ANDREA MEROLA
Crepe e la base ormai informe di una colonna visibili sul colonnato esterno della basilica di San Marco, allagata dall’acqua alta che oggi, 15 dicembre 2019, ha toccato 120 cm sul medio mare. © ANDREA MEROLA

Le immagini (senza didascalia) si riferiscono alla mattina del 16 dicembre 2019, con un’acqua alta che si è fermata a 114 cm sul medio mare, quota inferiore alla previsione. Mettono in evidenza come il nartece della basilica di San Marco sia comunque finito allagato, aggravando i danni evidenti nelle foto.

San Marco sott’acqua. Photogallery del reporter Andrea Merola ultima modifica: 2019-12-20T13:15:43+01:00 da YTALI

VAI AL PROSSIMO ARTICOLO:

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Lascia un commento