“Harry” Gregg, da Monaco all’eternità

Con la sua scomparsa se ne va uno dei campioni dell’Inghilterra del ’66 e un’icona del Manchester United. E, soprattutto, un eroe.
scritto da ROBERTO BERTONI
Condividi
PDF

Di Henry “Harry” Gregg se ne potrebbe scrivere per giorni. Perché ci ha lasciato di recente, al termine di un’avventura umana lunga ottantasette anni. Perché è stato un grande portiere, in una stagione in cui la scuola anglosassone dei numeri uno era fiorente e lui ha avuto l’onore di difendere i pali di uno dei Manchester United più forti e vincenti di sempre.

Ma soprattutto perché è stato uno degli angeli della tragedia di Monaco di Baviera, quando l’aereo dei Red Devils si schiantò e andò a fuoco e di quella squadra leggendaria morirono alcuni dei protagonisti più significativi mentre altri si salvarono per miracolo e anche grazie alla passione civile e al coraggiosissimo intervento di Gregg. Tra questi, ricordiamo Bobby Charlton, l’eroe dei Mondiali del ’66, il mito che avrebbe tenuto a battesimo Best e che ancora oggi, oltremanica, gode di un rispetto prossimo alla venerazione.

Henry “Harry” Gregg

Del resto, Gregg e compagni hanno incarnato un universo sportivo durato molti anni, come se la storia si fosse data appuntamento un decennio dopo Superga, scegliendo un proscenio assai diverso e un epilogo solo leggermente meno assurdo, visto che del Grande Torino non era rimasto vivo nessuno e che da quello schianto il mitico Toro è uscito, di fatto, per sempre dal novero delle grandi. Lo United no, qualcuno ce l’ha fatta e, se oggi ne celebriamo ancora il mito, è in parte merito di quel campione in tutti i sensi, capace di lottare sia in campo sia, soprattutto, fra le fiamme di un aereo distrutto, strappando alla morte quanti più compagni possibile e stando ben attento a non recitare mai la parte dell’eroe, anche se indubbiamente lo era.

Gregg ha voluto si parlasse di sé per le imprese sportive, per i trofei vinti, per le parate compiute e per l’affetto che la gente ebbe sempre nei suoi confronti. Un affetto più che meritato, se si pensa al valore intrinseco del giocatore e alla portata simbolica del suo gesto, benché, come detto, ne abbia sempre parlato con parsimonia, vivendo con riservatezza la sua condizione di mito vivente.

Il Manchester United e Henry “Harry” Gregg al centro

E ora che non c’è più e che la compagine di Sir Mutt Busby è stata consegnata alla leggenda, possiamo ribadire che, se tutto questo è stato possibile, il merito è anche e soprattutto suo. Gli altri ci hanno messo la classe, il talento e le imprese; Gregg, oltre a questo, ci ha messo la propria solidarietà e il proprio amore per il prossimo. Era il 6 febbraio 1958 quando ebbe luogo la tragedia dei Diavoli rossi. La commozione è ancora tangibile in chiunque ami e creda nello sport. Lo squadrone, lassù, ormai è quasi al completo. 

“Harry” Gregg, da Monaco all’eternità ultima modifica: 2020-02-27T11:44:24+01:00 da ROBERTO BERTONI

VAI AL PROSSIMO ARTICOLO:

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Lascia un commento