La Lombardia chiede aiuto anche a Cuba, e ci sono buone ragioni

L’ha dichiarato l’assessore al welfare della Regione. Medicina e ricerca cubane godono infatti di ottima fama. Un libro lo racconta.
scritto da ALDO GARZIA
Condividi
PDF

La Lombardia vuol fare da sola sul coronavirus. Da una parte la ricerca dell’autonomia dalle direttive del governo, sancita dalla nomina di consulente per Guido Bertolaso, ex capo della Protezione civile, e dall’altra una dichiarazione di Giulio Gallera, assessore al Welfare della Regione: “Recluteremo personale sanitario anche dall’estero, chiedendo solo che siano iscritti all’albo nel paese di provenienza. Avremo personale dal Venezuela, dalla Cina, da Cuba, sono medici a cui daremo ovviamente un luogo dove andare a vivere ma abbiamo bisogno delle competenze di tutti”. 

Di Cuba si è tornati a parlare a proposito di Coronavirus nei giorni scorsi per via della notizia che un medicamento di fabbricazione cubana è stato usato con buoni risultati in Cina. Si è pure appreso che la Cina ha iniziato a produrre in proprio lo stesso medicamento grazie alla collaborazione con medici cubani. Non è una sorpresa.

La medicina cubana gode infatti di ottima fama, nonostante l’embargo statunitense e delle grandi multinazionali del farmaco che ne penalizza potenzialità e commercio. Infatti esporta medici, infermieri, ingegneri, architetti, tecnici in genere con appositi contratti di cooperazione con i singoli paesi – soprattutto nel terzo mondo – insieme ai propri prodotti farmaceutici. Cuba si è sempre pensata negli ultimi decenni come luogo di produzione di “cervelli” e professionalità utili alla causa di emancipazione dei paesi arretrati.

Era proprio questo uno dei pallini di Fidel Castro. Chi vuole saperne di più a questo riguardo, può leggere l’utilissimo libro di Angelo Baracca, fisico di chiara fama, e Rosella Franconi, ricercatrice presso l’Enea: Cuba: medicina, scienza e rivoluzione 1959-2014 (edizioni Zambon). Il testo è frutto di una ricerca sul campo durata anni e dello scambio proficuo con colleghi e ricercatori cubani, più la consulenza dell’italoargentino Pablo Amati, luminare della genetica recentemente scomparso che ha operato per decenni pure all’Avana. 

Numeri e statistiche a volte valgono più di tanti discorsi. L’isola ha primati di cui fregiarsi in campo sanitario pur dovendo fare a pugni con la carenza di medicinali a disposizione degli ospedali. Il sistema sanitario pubblico colloca Cuba ai primi posti nella classifica dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms).

Diamo un’occhiata alle statistiche: oltre sessantamila medici, Policlinici presenti in ogni municipio cubano, speranza di vita attestatasi oltre i 75 anni. Mortalità infantile con percentuali di tipo europeo (cinque casi su mille), interventi chirurgici di tutti i tipi (compresi i trapianti).

In via di sviluppo costante è pure l’industria farmaceutica che produce l’interferone usato in Cina, melagenina, vaccini contro la meningite B che vengono usati in molti paesi latinoamericani, sistemi di rapida diagnosi del virus Hiv, un farmaco denominato Ppg che tiene sotto controllo il colesterolo e un altro che combatte la meningite da meningococco, protesi meccaniche, vaccini.

Anche la ricerca è all’avanguardia con il polo scientifico, di cui fanno parte l’Istituto Finlay che indaga sulle malattie infettive, il Centro d’ingegneria genetica e biotecnologia, il Centro di Immunotest, il Centro nazionale di ricerche scientifiche. Nel 1999 è stata inaugurata la Scuola di medicina latinoamericana dove studiano centinaia di giovani dei paesi latinoamericani. 

Tutti questi dati fanno parte delle contraddizioni cubane: alti livelli tecnici e scientifici fanno pendant con la fatica quotidiana negli ospedali dell’isola. Sono le due facce di Cuba.

La Lombardia chiede aiuto anche a Cuba, e ci sono buone ragioni ultima modifica: 2020-03-15T17:14:09+01:00 da ALDO GARZIA

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Lascia un commento