Covid-19. L’aria che tira

C’è una relazione stretta tra virus e inquinamento. La tesi è stata studiata da un gruppo di ricercatori delle università di Bologna, Bari, Milano, Trieste e della Società italiana di medicina dell’ambiente, il cui rapporto presto sarà pubblicato da una delle più importanti riviste scientifiche del mondo.
scritto da ROSANNA LAMPUGNANI
Condividi
PDF

Del virus pensiamo di sapere tutto, certamente che si trasmette in un perimetro di circa due metri per goccioline prodotte da naso e bocca. Ma ai più è sconosciuta un’altra caratteristica, di estrema importanza per affrontare il “dopo epidemia”: il Covid 19 s’attacca alle polveri che circolano nell’aria e con esse si propaga fino a quindici chilometri di distanza. In sostanza, c’è una relazione stretta tra virus e inquinamento.

La tesi è stata studiata da un gruppo di ricercatori delle università di Bologna, Bari, Milano, Trieste e della Società italiana di medicina dell’ambiente, il cui rapporto presto sarà pubblicato da una delle più importanti riviste scientifiche del mondo; ma nel frattempo, il capo dei ricercatori, il bolognese Leonardo Setti, specializzato proprio in microrganismi veicolati da supporti e gocce, spiega il nocciolo duro della ricerca.

Leonardo Setti

Sono state analizzate tra il 10 febbraio e i primi di marzo le rilevazioni delle centraline dell’Arpa per il monitoraggio dell’inquinamento sparse in tutte le province: “Si tratta di migliaia di dati statistici e scientifici”, sottolinea Setti, in particolare di quelli relativi agli “sforamenti” dei limiti di legge per la presenza nell’aria di Pm10 e Pm2,5, le cosiddette polveri sottili prodotte per il cinquanta per cento dalle attività antropiche (il trenta per cento dipende dalle emissioni dei veicoli, il resto dalle emissioni di fabbriche e caldaie per il riscaldamento; del totale, il restante cinquanta per cento esiste in natura).

Ebbene nel periodo suddetto si sono contati nella Pianura padana, tra Torino, Milano, Padova e Bologna, fino a nove sforamenti (in alcune regioni meridionali una o due volte, in alcune nemmeno una volta), in concomitanza con l’esplosione della pandemia. È evidente che non si tratta di un caso, ma che la correlazione è forte e accertata anche da altri studiosi sparsi nel mondo. Un esempio, ancora non validato: prima dell’esplosione della pandemia in Spagna la penisola iberica è stata invasa da polveri sahariane arrivate da ovest. E del resto il virus è comparso la prima volta nella provincia di Hubei, tra le più industrializzate e moderne della Cina.

Non si sa se – come affermano alcuni ricercatori – in un prossimo futuro l’umanità dovrà misurarsi con nuove pandemie, certamente “bisogna fare di tutto per contrastare i driver moltiplicatori dei virus”, insiste Setti e questo significa lotta senza quartiere all’inquinamento. Quindi piuttosto che sospendere il Green deal deciso dall’Unione europea – “invece della sostenibilità bisogna garantire la liquidità dell’imprese”, chiede l’opposizione – bisognerebbe “accelerarne l’applicazione”, conclude Setti, il quale raccomanda molta attenzione per il rientro nella normalità, proprio per evitare contagi di ritorno, in attesa del vaccino.

Corriere di Torino

Covid-19. L’aria che tira ultima modifica: 2020-04-03T18:16:15+02:00 da ROSANNA LAMPUGNANI

Lascia un commento