Covid-19, la California sfida Trump sui migranti

I migranti senza documenti sono esclusi dagli aiuti finanziari federali. Così il governatore della California ha deciso di fare da solo. Per limitare la diffusione della pandemia tra le fasce più deboli della popolazione.
scritto da YTALI
Condividi
PDF

Il governatore della California, il democratico Gavin Newsom, ha annunciato che il suo stato assegnerà dei pagamenti di cinquecento dollari agli immigrati sprovvisti di documenti. L’intento è quello di bloccare possibili rischi di diffusione del Covid-19. Sarà un fondo statale di settantacinque milioni di dollari – creato per fronteggiare la crisi – che effettuerà i pagamenti. Saranno poi delle associazioni non profit che lavorano coi migranti a livello locale a distribuirli.

La decisione di Newsom arriva dopo che molte associazioni hanno protestato. Gli immigrati irregolari – compresi quelli che godono del programma Daca, per i minori entrati nel paese irregolarmente – sono esclusi dal pacchetto di salvataggio di duemila miliardi di dollari. Il Congresso ha varato il provvedimento qualche settimana fa per far fronte alla pandemia. Tra le misure previste dal pacchetto c’è anche un contributo di mille e duecento dollari per coloro che hanno un reddito inferiore ai settantacinque mila dollari.

In California, il 27 marzo, la Coalition for Human Immigrant Rights (CHIRLA) aveva protestato contro la mancanza di protezione da Covid-19 per i migranti senza documenti.

I lavoratori migranti senza documenti non possono accedere agli aiuti federali in generale. Però a livello statale la situazione varia da stato a stato. Le associazioni sostengono che vista la gravità della situazione il Congresso avrebbe dovuto prevedere la possibilità anche per loro di accedere agli aiuti federali.

In assenza di intervento federale, lo stato della California ha quindi deciso di intervenire direttamente. Secondo Newsom

La California è la parte più diversificata della nazione. La nostra diversità ci rende più forti e più resistenti. Ogni californiano, compresi i nostri vicini e amici senza documenti, dovrebbe sapere che la California è qui per sostenerli durante questa crisi. Siamo tutti insieme.

I lavoratori migranti senza documenti nel paese rappresentano circa il cinque per cento della forza lavoro degli Stati Uniti.

Grazie al tuo contributo ytali sarà in grado di proseguire le pubblicazioni nel 2020.
Clicca qui per partecipare alla sottoscrizione

Covid-19, la California sfida Trump sui migranti ultima modifica: 2020-04-16T12:14:05+02:00 da YTALI

VAI AL PROSSIMO ARTICOLO:

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Lascia un commento