Nulla sarà come prima (ma a volte l’apparenza inganna…)

ANDREA MEROLA
Condividi
PDF

Nulla sarà come prima ovvero l’apparenza (talvolta) inganna. Mercoledì 6 maggio ore 14.00, in via Garibaldi. Guardando questa foto viene da dire ecco, ci siamo: con la scusa del coronavirus il golpe è bello servito. Ecco la polizia stile dittatura sudamericana e il povero ex libero cittadino costretto carponi, a scorticare le ginocchia sul lastricato rovente: solo perché non ha dato un valido motivo alla sua uscita dai domiciliari imposti con la pandemia. Poveretto, forse lo trascineranno al vicino stadio Pierluigi Penzo, sta a vedere che altre centinaia di infelici stanno già rinchiusi da stamattina?

Be’, che dire, talvolta l’apparenza inganna: in realtà quel signore, fotografato inginocchiato davanti ai due poliziotti, sta compilando il foglio dell’autocertificazione, di cui era sprovvisto al controllo, e che uno dei due poliziotti, gentilmente, gli aveva fornito. Lui non ha trovato miglior piano d’appoggio su cui scrivere che il selciato, e questo spiega la scenetta ripresa. Ma che comunque, da lontano, ha attirato l’attenzione di numerosi veneziani presenti in quel momento, qualcuno si è anche avvicinato cautamente per riprendere la scena, ma alla fine la presunta vittima ha chiarito tutto. 

 

Grazie al tuo contributo ytali sarà in grado di proseguire le pubblicazioni nel 2020.
Clicca qui per partecipare alla sottoscrizione


Nulla sarà come prima (ma a volte l’apparenza inganna…) ultima modifica: 2020-05-07T11:56:44+02:00 da ANDREA MEROLA

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Lascia un commento