Covid e filiera agroalimentare. Video-conversazione con A. Colla

Con il numero 1 di Coldiretti veneziano parliamo di un settore economico primario, dei suoi fattori critici, delle necessità a breve e lungo termine, del rapporto con le istituzioni ad ogni livello, di prospettive e orientamenti.
scritto da GIOVANNI LEONE
Condividi
PDF

Con Andrea Colla facciamo una panoramica del comparto agroalimentare veneziano, del suo indotto e del bacino d’utenza, dei fattori critici, delle necessità a breve e lungo termine, del rapporto con le istituzioni ad ogni livello, di prospettive e orientamenti. L’agricoltura è un settore che appare meno colpito di altri dall’emergenza Covid-19, perché i prodotti agricoli sono beni di prima necessità e i consumi non sono cambiati… per quanto riguarda il mercato “domestico”.

La realtà di Coldiretti è molto più vasta e il corto circuito turistico penalizza anche la filiera agricola che garantiva approvvigionamenti alle località turistiche costiere e della città lagunare, perché viene a mancare una parte consistente della domanda. Ragioniamo poi del rapporto con la grande distribuzione e di quello, diretto, con i consumatori grazie a iniziative come Campagna Amica e di com’è cambiato il mestiere che da “artigianale” si è fatto imprenditoriale.

Andrea Colla (classe 1987), laureato in scienze e tecnologie viticole, è amministratore dell’omonima azienda di famiglia (la maggiore azienda italiana vivaistico-viticola) e dal 2015 presidente dei giovani soci della Banca San Biagio del Veneto. Dal 2018 è presidente di Coldiretti Venezia e di Impresa Verde Venezia, siede nel C.d.A. della Camera di Commercio di Venezia e Rovigo, Coldiretti Veneto, Consorzio di bonifica del Veneto orientale e Consorzio Agrario del Nord-Est (il più grande d’Italia).

Argomento 1 (durata 25:49 minuti)

Coldiretti Venezia è associazione di agricoltori e aziende agricole, qual è il perimetro geografico di riferimento degli associati? Coincide con il territorio comunale o con quello della ex provincia di Venezia oggi città metropolitana?

dal minuto 1:05

L’argomento di questa chiacchierata è una ricognizione sul domani che è già presente, molti dicono che nulla sarà più come prima mentre altri non aspettano che di tornare alla situazione precedente. Il comparto agricolo sembra tra i meno colpiti dall’emergenza perché ha potuto continuare a produrre. È vero? I danni sono contenuti rispetto a quelli di altri settori produttivi?

dal minuto 4:41

Avete rilevato variazioni nell’andamento dei consumi? È cambiata la domanda e che conseguenze avrà il cambiamento sulla produzione? Com’è l’andamento dei prezzi?

dal minuto 9:09

Mentre il vino ha tempi diversi, ad esempio può riposare in cantina, la maggioranza dei prodotti sono deteriorabili quindi soggetti a ritmi e tempi precisi che non consentono dilazioni e ritardi. Quali sono state le difficoltà in agricoltura?

dal minuto 11:55

A proposito di indotto, c’è mai stato un accordo con le navi da crociera? C’è una ricaduta sul territorio in termini d’indotto?

dal minuto 14:36

Affrontiamo il tema della distribuzione, l’utente non sa quanti passaggi ci sono ma conosce bene l’incremento dei prezzi strabiliante tra il campo e la tavola. Cosa è cambiato e cosa dovrebbe/potrebbe cambiare?

dal minuto 20:19

Un rischio che pare si affacci in tutti gli ambiti economici è quello che le piccole e medie aziende vengano soffocate dal prevalere della grande distribuzione e da multinazionali, nell’ambito del turismo, dell’agroalimentare, del commercio, delle attività immobiliari. Avete attivato dei canali di distribuzione, promozione ecc.? Come pensate di tutelare i vostri associati rispetto a rischi di questo tipo?

Argomento 2

Mi pare di capire che non fate ricorso alla manodopera di migranti ma ad una con più esperienza dei paesi vicini dell’est.

dal minuto 2:41

Abbiamo visto con questo virus che la globalità ha cancellato le frontiere a livello di spazio e di tempo, non ci sono confini certi, mi tolga una curiosità: come si fa a garantire una produzione veramente “bio” quando basta una folata di vento a far muovere semi o spore da un campo all’altro?

dal minuto 7:11

Cosa sente di chiedere, cosa potrebbe fare il soggetto pubblico a tutte le scale, Stato Regione Città Metropolitana Comune, per sostenere il comparto agricolo in questo frangente? 

dal minuto 11:25

Andiamo alla sicurezza. Avete un protocollo? Avete sviluppato delle procedure di valutazione dei rischi e di misure operative per riavviare l’attività produttiva in sicurezza?

dal minuto 15:15

Oltre che sui DPI, i disinfettanti ecc. avete rilevato aumenti di prezzi anche nei beni di prima necessità per il vostro lavoro?

dal minuto 18:00

Come vedete il domani? Tornerà tutto come prima o dovremo cambiare il nostro modo di rapportarci alla natura, alla vita, alla quotidianità?

Grazie al tuo sostegno
ytali sarà in grado di proseguire le pubblicazioni nel 2020.
Clicca qui per partecipare alla raccolta fondi.

Your support will give ytali the chance to carry on in 2020.
Click here to contribute to the fundraising.

Votre soutien donnera à ytali la chance de continuer en 2020.
Cliquez ici pour contribuer à la collecte de fonds
.

Covid e filiera agroalimentare. Video-conversazione con A. Colla ultima modifica: 2020-05-18T19:00:36+02:00 da GIOVANNI LEONE

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Lascia un commento