#elezioniUsa2020. Il conto alla rovescia. Meno 103 giorni

Cambio di tono sul Covid-19 da parte di Trump che sollecita l’uso delle mascherine. Proseguono però gli scontri tra i repubblicani sul nuovo piano di aiuti economici. Nel frattempo Biden lancia il suo piano decennale di 775 miliardi di dollari per migliorare l’assistenza sociale.
YTALI
Condividi
PDF
  • Cambio di passo sul Covid-19. Ieri Trump ha dichiarato che il nuovo focolaio negli Stati Uniti “peggiorerà prima di migliorare”. Ha anche chiesto agli americani di indossare le mascherine, di praticare il distanziamento fisico e di lavarsi le mani. Ha inoltre esortato i giovani americani a evitare i bar. Le dichiarazioni hanno rappresentato un notevole cambiamento di tono per il presidente. Fino a qualche giorno prima, aveva ampiamente minimizzato l’aumento di casi in stati come Florida, Arizona, Texas e California, e per settimane aveva rifiutato di sollecitare l’uso delle mascherine.
  • Continua lo scontro tra repubblicani del Senato e la Casa Bianca per raggiungere un accordo sul nuovo disegno di legge sugli aiuti economici. Alcuni repubblicani, nonostante in precedenza avessero sostenuto l’idea di aumentare la spesa pubblica, sono diventati sempre più preoccupati per l’impatto di quasi tremila miliardi di dollari sul debito del paese. Trump inoltre inizialmente si è opposto a maggiori finanziamenti per i test Covid-19 e voleva delle condizionalità sui finanziamenti alle scuole per far fronte alla pandemia. Sul primo punto pare che la Casa Bianca si stia piegando, mentre sul secondo dovrebbero esserci delle condizionalità – cioé tenere le lezioni in aula – per ottenere i finanziamenti.
  • Diversi repubblicani della Camera hanno attaccato Liz Cheney, deputata del Wyoming e figlia dell’ex vice-presidente di G.W. Bush. Cheney ha infatti dichiarato il proprio sostegno al dottor Anthony Fauci, al centro di attacchi nelle ultime settimane da parte di consiglieri e dello staff del presidente.
  • Joe Biden lancia la terza parte del suo piano economico “Build Back Better”. Dopo i piano per il rilancio industriale e la lotta ai cambiamenti climatici, l’attenzione del candidato democratico si sposta sull’assistenza sociale: bambini, malati, disabili, anziani e donne. Il piano prevede investimenti per 775 miliardi di dollari in dieci anni e sarebbe finanziato dalla riduzione delle agevolazioni fiscali per gli investitori immobiliari e dall’aumento dei controlli sugli obblighi fiscali degli alti redditi. Il piano prevede di rafforzare i finanziamenti per l’assistenza all’infanzia, di ampliare i crediti d’imposta per i genitori, di aumentare la retribuzione per gli operatori di assistenza all’infanzia. Il piano aumenterebbe anche i finanziamenti per l’assistenza domiciliare per le persone anziane e le persone disabili, al di fuori delle strutture di assistenza istituzionale.
  • La campagna di Biden ha dato il via a nuovi investimenti pubblicitari negli stati chiave, per la cifra record di quindici milioni di dollari. La nuova campagna pubblicitaria, con spot televisivi, radiofonici e digitali, segna un’escalation nella spesa per le elezioni politiche. Gli stati interessati sono Pennsylvania, Arizona, Wisconsin, Michigan, North Carolina e Florida.
  • Sul voto degli africano-americani, Biden è di molto in vantaggio su Donald Trump: 83 per cento contro l’8 per cento. Se questo, ovviamente, rappresenta un enorme vantaggio per il candidato democratico, si tratta anche di un piccolo miglioramento per Trump rispetto al 2016. Hillary Clinton era in vantaggio su Trump con un margine di 79 punti tra gli elettori neri registrati nei sondaggi pre-elettorali. Biden ha attualmente un vantaggio così ampio che il piccolo guadagno di Trump tra gli elettori neri non ha davvero importanza per le elezioni del 2020. Ma se la distanza a livello nazionale tra i due dovesse diminuire nel tempo, il piccolo guadagno di Trump con gli elettori neri potrebbe fare la differenza. Potrebbe costare infatti a Biden 0,5 punti a livello nazionale nel complesso. Numeri decisivi per alcuni stati.
BidenTrump
  • Twitter ha detto di aver rimosso più di 7.000 account associati alla teoria della cospirazione di QAnon, un gruppo che sostiene il presidente Trump e diffonde assurde affermazioni su forze che tenterebbero di rovesciare il presidente.

a cura di MARCO MICHIELI

Grazie al tuo sostegno
ytali sarà in grado di proseguire le pubblicazioni nel 2020.
Clicca qui per partecipare alla raccolta fondi.

Your support will give ytali the chance to carry on in 2020.
Click here to contribute to the fundraising.

Votre soutien donnera à ytali la chance de continuer en 2020.
Cliquez ici pour contribuer à la collecte de fonds
.

#elezioniUsa2020. Il conto alla rovescia. Meno 103 giorni ultima modifica: 2020-07-22T09:30:37+02:00 da YTALI
Iscriviti alla newsletter di ytali.
Sostienici
DONA IL TUO 5 PER MILLE A YTALI
Aggiungi la tua firma e il codice fiscale 94097630274 nel riquadro SOSTEGNO DEGLI ENTI DEL TERZO SETTORE della tua dichiarazione dei redditi.
Grazie!

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Lascia un commento