Gianluca Pessotto, l’uomo che visse due volte

Umile e indispensabile, il giocatore della Juventus è stato protagonista di innumerevoli battaglie e di molti significativi trionfi.
scritto da ROBERTO BERTONI
Condividi
PDF

Il neo-cinquantenne Gianluca Pessotto è uno dei pochi a poter dire di essere nato due volte. La prima, quella che celebriamo in quest’articolo, l’11 agosto 1970; la seconda, nell’estate del 2006, quando sopravvisse per miracolo al tentato suicidio del 27 giugno. Ricordo tutto di quell’estate: l’emozione per l’Italia che si apprestava a diventare campione del mondo, lo sgomento degli Azzurri in ritiro quando appresero la notizia, lo strazio degli ex compagni di squadra della Juventus, Cannavaro che abbandona la conferenza stampa, i bianconeri che, dopo aver battuto 3 a 0 l’Ucraina ai quarti, espongono una bandiera tricolore con su scritto: “Pessottino siamo con te”, Montero che si reca in ospedale a vegliare l’amico di una vita, riscattando la propria immagine da duro attraverso gesti di infinita dolcezza, e poi il risveglio, il ritorno, la felicità di un uomo ritrovato.

Mi è capitato di incontrarlo per caso, a Parigi, mentre passeggiava per le vie della città insieme a Lilian Thuram. Abbiamo parlato per pochi secondi, della Juve e dei campioni francesi che ovviamente fanno sognare ogni juventino e ogni appassionato di calcio che si rispetti, e ho compreso al volo la sua competenza, il suo carattere schivo, la sua capacità di mettere a proprio agio l’interlocutore con una battuta. Del resto, non si gioca per oltre dieci anni nella Juve se non si possiedono qualità superiori: tecniche, tattiche ma, soprattutto, mentali.

Pessotto era e resta un uomo speciale, un lottatore che non si è mai arreso, un personaggio singolare, profondo, dotato di un’umanità fuori dal comune e che per questo deve aver patito le pene dell’inferno nei giorni di Calciopoli, quando stavano venendo meno le sue poche certezze e si stava sgretolando tutto ciò che, professionalmente parlando, aveva costruito. Forse anche per questo, quel maledetto martedì di fine giugno, salì sul tetto della sede della Juventus, in Corso Galileo Ferraris, e si lanciò nel vuoto, salvandosi non si sa come e vedendosi costretto a compiere un percorso di riabilitazione durato mesi.

Ora è un uomo sereno, circondato dall’affetto dei suoi cari e dalla stima unanime di tutti coloro che capiscono di calcio e amano la vita, delle persone vere, di quelli come lui, insomma, non disposti ad accantonare determinati princìpi in nome del successo e del profitto. Pessotto è stato una delle vittime illustri di Calciopoli e delle sue conseguenze, del clima fetido che si era creato in quei giorni intorno alla Juventus, di troppe scelte sbagliate e inaccettabili compiute da personaggi sulla cui spregiudicatezza è opportuno sorvolare e del senso di vuoto che gli si era venuto a creare dentro.

Ora quel vuoto è stato colmato non solo da nuove e formidabili vittorie quanto, più che mai, dal recupero di determinati valori, di determinate prospettive, del punto di vista sull’uomo e sul mondo che ha sempre caratterizzato la filosofia di vita di uno dei calciatori più umili che si siano mai visti. Umile e indispensabile, protagonista di innumerevoli battaglie e di molti significativi trionfi, tra cui il più importante: aver ritrovato se stesso dopo essere sprofondato nell’abisso. 

Gianluca Pessotto oggi è un dirigente della Juventus

Grazie al tuo sostegno
ytali sarà in grado di proseguire le pubblicazioni nel 2020.
Clicca qui per partecipare alla raccolta fondi.

Your support will give ytali the chance to carry on in 2020.
Click here to contribute to the fundraising.

Votre soutien donnera à ytali la chance de continuer en 2020.
Cliquez ici pour contribuer à la collecte de fonds
.

Gianluca Pessotto, l’uomo che visse due volte ultima modifica: 2020-08-12T12:56:23+02:00 da ROBERTO BERTONI

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Lascia un commento