La mostra si rassegna al muro

Una muraglia bianca di cartongesso s’alza per pochi metri per tutto il percorso del red carpet, perché è soprattutto davanti al Palazzo del Cinema che non dovrà assembrarsi anima alcuna.
scritto da ANDREA MEROLA
Condividi
PDF

I muri dividono, li tirano su apposta per dirti che lì tu non ci puoi stare. E così vale anche per la muraglia bianca di cartongesso che s’alza per pochi metri davanti il Palazzo del Cinema, per tutto il percorso del red carpet fino al bordo estremo dell’edificio. Attori e divine di Venezia 77, in maggioranza nostrani, sfileranno nascosti agli occhi dei fan, perché è sopratutto davanti al Palazzo del Cinema che non dovrà assembrarsi anima alcuna: intendiamoci, meglio un selfie mancato sul red carpet che un ricovero in terapia intensiva, col virus non si scherza nemmeno a vent’anni. Ma, inevitabilmente, non è più vero festival: è più rassegna cinematografica, ci si deve rassegnare… Stavolta le regole le fa un virus pericoloso, e improvvisamente ci scopriamo fragili e spaventate creature.
Buona Fortuna a Venezia 77.

La mostra si rassegna al muro ultima modifica: 2020-09-01T17:39:35+02:00 da ANDREA MEROLA

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Lascia un commento