“Incióu sü tüt”. La parabola di un capitalismo prepotente

Gilberto Seravalli offre numerosi spunti di riflessione sul ruolo dell’imprenditore e dello Stato raccontando la storia di una dinastia industriale, i Rivetti, che partendo dal niente furono capaci di costruire la maggiore azienda laniera del Biellese per poi terminarla con la quarta generazione a Maratea. Un libro ricco di fatti e di dati, di godibile lettura.
scritto da ALESSANDRO PASTORE
Condividi
PDF

In Incióu sü tüt, che racconta la storia di quattro generazioni della famiglia Rivetti, imprenditori tessili di Biella, Gilberto Seravalli alterna sapientemente vari piani narrativi. Il primo è quello storico. Con dovizia di particolari si ricostruiscono e presentano fatti e contesti in cui si trovarono a operare i vari esponenti della famiglia. Dal fondatore capostipite, Giuseppe Rivetti, all’ultimo, Stefano Rivetti, figlio di Oreste Rivetti che guidò l’azienda al culmine del successo nella prima metà del ventesimo secolo.

Giuseppe apparteneva a una famiglia contadina caduta nell’indigenza. Iniziò nel 1825 a nove anni a lavorare nell’opificio Sella e, dopo essersi messo in proprio nel commercio della lana negli anni Cinquanta, nel 1872, a 56 anni, realizzò quello che doveva essere stato il sogno di tutta la sua vita, ossia la fondazione della manifattura laniera “Giuseppe Rivetti e Figli”. Le spoglie dell’ultimo esponente della famiglia, Stefano Rivetti, giacciono sotto la statua del Cristo redentore che si erge sulle alture del Cilento a Maratea. Di quella statua Stefano fu l’ideatore e il finanziatore dopo che la manifattura Rivetti, grazie a generosissimi contributi pubblici, aveva spostato, a partire dagli anni Cinquanta del Novecento, la propria produzione in quei luoghi. Ed è proprio con l’immagine del Cristo di Maratea, contrapposta ai siti industriali abbandonati delle ex filature Rivetti, che inizia il lungo e avvincente racconto di Seravalli. 

Il secondo piano narrativo è il generoso e intelligente ricorso alle chiavi interpretative offerte dalla letteratura economica per cercare di capire scelte e comportamenti dei vari membri della famiglia Rivetti chiamati a guidare l’azienda di famiglia. L’autore argomenta in maniera molto convincente e con riferimento puntuale a fatti e dati, tra cui precise e attente analisi dei bilanci aziendali, che la visione imprenditoriale da cui nasce il gruppo Rivetti, e che è stata interpretata sempre dai vari esponenti che si sono succeduti, si basi su un rapporto “paternalista neo-patrimonialista” verso l’azienda stessa e i suoi dipendenti. 

Ossia il fatto che

l’imprenditore non si senta in dovere alcuno di rispondere alla comunità, ma anzi che questa debba, al contrario, solo essergli grata e che ai sottoposti non vengano riconosciute pienamente ragione e volontà, che sono solo del padrone la cui azione si esprime in maniera inflessibile con chi gli si oppone in qualunque modo (p.146). 

Grazie a questa lente interpretativa la scelta di titolare il libro con l’espressione del dialetto biellese “Incióu sü tüt” risulta molto azzeccata. Questo è un modo di dire che si può tradurre con “chiudo tutto” o “blocco tutto” e, quando riferito a un’azienda, s’allude all’intenzione di interromperne l’attività e chiuderla. È la frase detta da Oreste Rivetti tra la fine del 1953 o primi mesi del 1954 durante un incontro con un senatore comunista piemontese che era stato mandato a visitare la fabbrica a Biella su mandato della “Commissione parlamentare di inchiesta sulle condizioni dei lavoratori in Italia”.

Se questa è la visione di fare impresa diventa naturale allora per l’imprenditore concentrare tutti i suoi sforzi su due fronti. Uno interno attraverso un controllo quasi maniacale della disciplina nella fabbrica e l’altro esterno che sfruttando “l’intelligenza delle situazioni” lo vede come il solo depositario di come vendere profittevolmente la produzione. Del primo fronte tra i vari esempi riportati nel libro vale la pena ricordarne due.

Il primo riguarda Quinto, il figlio del fondatore, che in occasione della sua morte nel 1902 a soli 49 anni, il giornale socialista Corriere Biellese ricorda come imprenditore di “valore, […] energia, volontà, occhio sicuro, […]” a cui però aggiunge che

avrebbe anche avuto […] l’affetto dei suoi numerosi dipendenti, se talora non si fosse lasciato trascinare ad eccessi di severità, che mal si comprendevano in lui, che provò le amarezze, le ansie, gli spasmi della povertà.

Il secondo esempio riguarda il fatto che l’unica variabile su cui l’imprenditore costruisce il profitto è attraverso il controllo della spesa legata ai salari. Anche l’ultimo erede non fa eccezione a questa ossessione con il largo e diffuso ricorso, nella sede di Maratea, al lavoro a domicilio, mal pagato o addirittura non pagato, per certi tipi di lavorazione.

A questo proposito vale la pena ricordare tra i tanti episodi quello del trasferimento, grazie all’intervento diretto del Vaticano, di una suora rea di aver reclamato un compenso per il lavoro che le ragazze, presso la sua struttura, facevano per conto della Rivetti. Tutto questo quando per qualsiasi manager di impresa avveduto sarebbe apparso subito chiaro che la profittabilità sarebbe stata possibile senza comprimere all’infinito i salari ma concentrandosi sui costi della logistica, dal momento che la localizzazione del processo produttivo era stato pensato in tre luoghi differenti che facevano seguire alle merci percorsi senza alcuna logica industriale. Che è, poi, quello che fecero nel piano di rilancio i manager dell’Eni che rilevò nel 1969 il Lanificio di Maratea dalla liquidazione acquisendo macchinari e impianti e ottenendo per un certo numero di anni il ritorno alla profittabilità.

Del secondo fronte due aspetti meritano di essere riportati.

Il primo è che grazie alle commesse con l’esercito i Rivetti riuscirono sempre a garantirsi un’importante fonte di reddito senza essere necessariamente costretti a puntare sulla qualità.

Il secondo è che, Stefano Rivetti, anche se non molto attento al controllo dei costi oltre a quelli del personale, intuì con largo anticipo sui concorrenti l’importanza della moda. Purtroppo questa sua intuizione non fu sufficiente a salvare il gruppo forse per la mancanza di reale volontà di portarla fino in fondo. La fine dell’avventura meridionale segnò l’uscita anche dalla stessa industria laniera frutto di quattro generazioni di risoluti imprenditori anche se come ci tiene a precisare Gibellini “non se ne andò via certo a mani vuote”. 

Il terzo piano narrativo è quello che descrive il contesto politico in cui le quattro generazioni dei Rivetti si trovarono a operare e come il loro essere imprenditori si relazionò con esso. L’autore descrive in maniera avvincente, e facendo partecipe il lettore dei vari contesti, che nei 150 anni di storia dell’azienda si sono susseguiti, anche se è il periodo della Repubblica Italiana e della ricostruzione post-bellica quello che offre al lettore, dal mio punto di vista, maggiori spunti di riflessione sul presente.

Attraverso ampi riferimenti agli avvenimenti politici di allora e alle chiavi interpretative offerte, questa volta dalla letteratura macroeconomica, viene dato ampio spazio alla spiegazione delle influenze che ebbero le varie scuole di pensiero macroeconomico sulle scelte di politica economica ed in particolare del ruolo dello Stato nella ideazione e messa in pratica di interventi pubblici a supporto del lavoro.

Il racconto di questa fase parte dal 1951, anno in cui l’azienda dei Rivetti risultò unica industria di beni di consumo assegnataria di una parte del primo finanziamento della Banca Mondiale all’Italia e prosegue nella descrizione dei vari interventi straordinari a fondo perduto caratterizzati sempre più da una “politicizzazione senza responsabilizzazione”. 

Il lettore viene portato a comprendere la complessità del quadro che portò ad affidare ai Rivetti un’iniziativa di sviluppo industriale nell’Italia del sud, a Maratea, senza mai nessun controllo sui risultati in termini di occupazione e creazione di ricchezza sul territorio.

L’autore argomenta in maniera molto precisa che le iniziative pubbliche di finanziamento messe in campo dalla politica fossero figlie delle idee proposte da scuole di pensiero macroeconomiche che mettevano l’enfasi sulla esecuzione dei programmi di finanziamento stessi ma mai sulla valutazione dei loro risultati. Seravalli, calcola in maniera precisa che tutti i soldi forniti a fondo perduto ai Rivetti avrebbero potuto mantenere lo stesso numero di famiglie che erano state assunte dai Rivetti nei quattordici anni della loro avventura meridionale, senza la costruzione di fabbriche dalla breve vita, con il relativo lascito di lande desolate.

Nel corso di questa analisi, l’autore propone anche utili sintesi dei risultati che il pensiero macroeconomico moderno ha elaborato sulla base di disastri economici come quello dei Rivetti. Uno dei fattori che concorsero al disastro viene individuato nella ben poca considerazione che veniva attribuita a quelle che oggi sono considerate importanti leve dello sviluppo, cioè l’attenzione al capitale umano inteso come accesso a sanità, sicurezza sociale e scuola, la difesa dell’ambiente, la ricerca e sviluppo e il ruolo attivo di organizzazioni e istituzioni locali. Anche se al capitale umano, rappresentato in questo caso dalla classe dirigenziale meridionale locale sembra riferirsi il senatore piemontese Giulio Pastore ministro per la Cassa del Mezzogiorno e le aree depresse durante una discussione parlamentare riguardante un disegno di legge di aiuti al sud del 1962.

Secondo lui questa avrebbe dovuto essere in grado di interloquire e limitare i nuovi centri di potere che si stavano creando grazie al fiume di denaro pubblico destinati al sud agli imprenditori che “fanno i loro interesse”. Un compito quello assegnato da Pastore alla classe dirigente locale che appariva spropositato in quell’epoca, nonostante i passi da gigante in senso culturale e materiale fatti.

Sui soldi pubblici, e sul prestigio che derivava dallo spenderli, si fondava tutta la forza economica locale di Rivetti fino al punto di rottura che furono le elezioni comunali di Maratea del 1964, quando la lista politica legata a Rivetti risultò sconfitta. Questa “perdita di sovranità” dovette apparirgli intollerabile, sopratutto perché contestava il Piano Regolatore pensato per mettere a frutto gli investimenti immobiliari dei Rivetti nella zona. Ma soprattutto rompeva una narrazione che Indro Montanelli riassume bene in un articolo del 1957 sul Corriere del Sera, dove scrive che

Rivetti, anziché portare i capitali all’estero, sente l’impegno morale e nazionale di investirli al Sud affrontando difficoltà burocratiche e tecniche enormi ma soprattutto trovandosi di fronte a gente neghittosa, a pretese salariali senza senso, a persone comunque non disposte ad accettare con disciplina la dura servitù del lavoro moderno (Corriere della Sera, 8 settembre 1957).

Come Seravalli spiega bene i Rivetti non impiegarono i propri capitali, nonostante l’investimento fosse giustificato in vista di realistici rendimenti. Anzi. Infine, Seravalli, citando il sociologo Aris Accornero, mette in luce altri esempi di comportamento di resistenza al modello padronale rappresentato da Stefano Rivetti in perfetta continuità con i suoi avi, quali i movimenti di emigrazione di gruppi di operai della Rivetti, che da anni avevano solo un contratto di formazione, verso la Svizzera dove venivano subito assunti come operai specializzati. 

Il grande merito del libro di Seravalli è quello di non si adagiarsi su letture semplificate e stereotipate delle realtà che fecero da sfondo all’avventura imprenditoriale dei Rivetti, durata quattro generazioni, ma di offrire sempre una meditata e profonda riflessione sulla complessità dei personaggi, delle situazioni e delle scuole di pensiero economico che agirono in sottofondo. In questo senso certamente non cade nella trappola che Keynes individuava per le persone pragmatiche che si credono esenti da ogni influenza intellettuale ma che sono generalmente schiavi del pensiero di qualche economista già defunto.

Questo esercizio di complessità aiuta il lettore a costruirsi strumenti e lenti di interpretazione per leggere non solo la realtà storica raccontata nel libro ma anche quella odierna. Come non riconoscere, ad esempio, che alcuni aspetti incarnati dai Rivetti siano ancora presenti in una certa classe imprenditoriale italiana certamente non minoritaria. D’altronde, sempre Seravalli, ci ricorda che altri modelli di imprenditoria sono possibili. Ad esempio quelli incarnati da Camillo e Adriano Olivetti, che sono stati oggetto anche di una lunga chiacchierata con il sociologo Franco Ferrarotti su questa rivista. 

Insomma, il testo di Seravalli è una lettura consigliata non solo per gli amanti della storia e dell’economia ma anche di coloro che desiderano dotarsi degli anticorpi verso opinioni che nascono da visioni semplicistiche e stereotipate delle realtà. La storia è complessa e il bel libro di Seravalli, Incióu sü tüt, cerca di descriverla in tutte le sue dimensioni.

 

“Incióu sü tüt”. La parabola di un capitalismo prepotente ultima modifica: 2020-09-23T15:46:42+02:00 da ALESSANDRO PASTORE

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Lascia un commento