“Grazie alle donne prima di me. È solo l’inizio”. Il discorso di Kamala Harris

La vice-presidente eletta ha parlato prima di Joe Biden per segnalare l’importanza storica del momento, con la prima donna eletta alla seconda carica degli Stati Uniti.
scritto da KAMALA HARRIS
Condividi
PDF

Il deputato John Lewis, prima di morite, ha detto: “La democrazia non è uno stato. È un atto”. E quello che voleva dire era che la democrazia americana non è garantita. È forte fintanto che la nostra volontà di lottare per essa, di proteggerla e di non darla mai per scontata sono forti. E per proteggere la nostra democrazia bisogna lottare. Ci vuole sacrificio. C’è gioia in esso e c’è progresso. Perché “Noi, il Popolo“ abbiamo il potere di costruire un futuro migliore. E quando la nostra stessa democrazia era in ballo in queste elezioni, con l’anima stessa dell’America in gioco e il mondo a guardare, avete inaugurato una nuova era per l’America.

Al personale della nostra campagna e ai volontari, questa squadra straordinaria: grazie per aver portato più persone che mai nel processo democratico e per aver reso possibile questa vittoria. Agli operatori e ai funzionari elettorali di tutto il nostro paese che hanno lavorato instancabilmente per assicurarsi che ogni voto fosse conteggiato: la nostra nazione ha un debito di gratitudine nei vostri confronti perché avete protetto l’integrità della nostra democrazia. E al popolo americano che compone il nostro bel paese: grazie per essere usciti in numero record per far sentire la vostra voce.

ytali è una rivista indipendente. Vive del lavoro volontario e gratuito di giornalisti e collaboratori che quotidianamente s’impegnano per dare voce a un’informazione approfondita, plurale e libera da vincoli. Il sostegno dei lettori è il nostro unico strumento di autofinanziamento. Se anche tu vuoi contribuire con una donazione clicca QUI

So che i tempi sono stati difficili, soprattutto negli ultimi mesi. Il lutto, la tristezza e il dolore. Le preoccupazioni e le lotte. Ma abbiamo anche assistito al vostro coraggio, alla vostra capacità di recupero e alla generosità del vostro spirito. Per quattro anni avete marciato e vi siete organizzati per l’uguaglianza e la giustizia, per le nostre vite e per il nostro pianeta. E poi avete votato. Avete consegnato un messaggio chiaro. Avete scelto la speranza, l’unità, il decoro, la scienza e, sì, la verità. Avete scelto Joe Biden come prossimo presidente degli Stati Uniti d’America.

Joe è un guaritore. Un unificatore. Una mano collaudata e ferma. Una persona le cui perdite familiari gli danno un senso di scopo che ci aiuterà, come nazione, a reclamare il nostro senso di scopo. È un uomo dal cuore grande che ama con trasporto. È il suo amore per Jill, che sarà un’incredibile first lady. È il suo amore per Hunter, Ashley, i suoi nipoti e l’intera famiglia Biden. E se ho conosciuto Joe per la prima volta come vice presidente, l’ho davvero conosciuto come il padre che amava Beau, il mio caro amico, che oggi ricordiamo qui.

A mio marito Doug, ai nostri figli Cole ed Ella, a mia sorella Maya e a tutta la nostra famiglia: vi amo tutti più di quanto possa esprimere. Siamo così grati a Joe e Jill per aver accolto la nostra famiglia nella loro in questo incredibile viaggio. E alla donna responsabile della mia presenza qui oggi: mia madre, Shyamala Gopalan Harris, che è sempre nei nostri cuori. Quando è arrivata qui dall’India all’età di 19 anni, forse non immaginava proprio questo momento. Ma credeva profondamente proprio in un’America in cui un momento come questo fosse possibile. Quindi, penso a lei e alle generazioni di donne – donne nere, asiatiche, bianche, latine e native americane – che nel corso della storia della nostra nazione hanno aperto la strada a questo momento stasera.

Donne che hanno combattuto e sacrificato così tanto per l’uguaglianza, la libertà e la giustizia per tutti, comprese le donne nere, che troppo spesso sono trascurate, ma così spesso dimostrano di essere la spina dorsale della nostra democrazia. Tutte le donne che da oltre un secolo hanno lavorato per garantire e tutelare il diritto di voto: cento anni fa con il diciannovesimo emendamento, 55 anni fa con il Voting Rights Act, e ora, nel 2020, con una nuova generazione di donne nel nostro paese che hanno votato e continuato a lottare per il loro diritto fondamentale di votare e di essere ascoltate.

Stasera rifletto sulla loro lotta, la loro determinazione e la forza della loro visione – per vedere ciò che è stato eliminato da quello che è stato – e mi metto sulle loro spalle. E quale testimonianza del carattere di Joe che ha avuto l’audacia di rompere una delle barriere più sostanziali che esistono nel nostro paese e selezionare una donna come suo vice presidente!

Ma anche se sono la prima donna a ricoprire questa carica, non sarò l’ultima. Perché ogni ragazzina che ci guarda stasera vede che questo è un paese di possibilità.

E ai bambini del nostro paese, indipendentemente dal vostro sesso, il nostro paese vi ha inviato un messaggio chiaro: sognate con ambizione, siate leader con convinzione e guardate a voi stessi in un modo in cui gli altri potrebbero non vedervi, semplicemente perché non l’hanno mai visto prima. E vi applaudiremo in ogni fase del percorso.

Al popolo americano: non importa per chi avete votato, cercherò di essere il vice presidente che Joe è stato per il presidente Obama: leale, onesto e preparato, svegliandomi ogni giorno pensando a voi e alle vostre famiglie. Perché ora è quando inizia il vero lavoro. Il duro lavoro. Il lavoro necessario. Il buon lavoro. Il lavoro essenziale per salvare vite umane e sconfiggere questa pandemia. Per ricostruire la nostra economia in modo che funzioni per i lavoratori. Per sradicare il razzismo sistemico nel nostro sistema giudiziario e nella nostra società. Per combattere la crisi climatica. Per unire il nostro paese e guarire l’anima della nostra nazione.

La strada da percorrere non sarà facile. Ma l’America è pronta. E così lo siamo io e Joe. Abbiamo eletto un presidente che rappresenta il meglio di noi. Un leader che il mondo rispetterà e che i nostri figli potranno apprezzare. Un comandante in capo che rispetterà le nostre truppe e terrà al sicuro il nostro paese.E un presidente per tutti gli americani.

Traduzione di Marco Michieli

“Grazie alle donne prima di me. È solo l’inizio”. Il discorso di Kamala Harris ultima modifica: 2020-11-08T10:44:10+01:00 da KAMALA HARRIS

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Lascia un commento