La marcia su Washington

L'assalto al Campidoglio costituisce l’eredità politica di Trump ma è anche una spia rivelatrice dello stato della democrazia americana. Più che la battaglia per l'anima della nazione è però iniziata una battaglia per l'anima del Partito repubblicano. Che fatica a prendere le distanze dal presidente.
scritto da MARCO MICHIELI
Condividi
PDF

“Cammineremo lungo Pennsylvania Avenue e arriveremo fino al Campidoglio” incitava Trump sul palco creato in occasione della manifestazione per contestare la certificazione del voto da parte del Congresso. E i manifestanti hanno cominciato a marciare verso Capitol Hill, con l’intenzione di “conquistare” le istituzioni che non si conformavano alla volontà del presidente repubblicano che da mesi parla di frodi elettorali e non ha ancora accettato il risultato del 3 novembre.

Bandiere americane e confederate, striscioni con “God, Guns, Guts and Glory”, magliette di QAnon, i Proud Boys, gli slogan “We Won, We Won, Trump won”, gente che parla di “rivoluzione”: questa folla composita ha cominciato a marciare vero il Campidoglio quando ancora Trump parlava. Prima del presidente erano intervenuti Donald Trump Jr e Rudy Giuliani che avevano essi stessi incitato a marciare contro la ferita del “voto rubato”.

Quando i supporter di Trump arrivano a Capitol Hill, il Senato aveva appena respinto formalmente le obiezioni ai risultati elettorali sollevati per lo stato dell’Arizona. Ma nel frattempo i rivoltosi avevano già cominciato a rompere i cordoni della polizia di protezione. Alla sera, dopo il ritorno della calma, respingerà con voto bipartisan anche le obiezioni per l’altro stato, la Pennsylvania.

Erano pochi i poliziotti, non sufficienti a contenere e respingere la massa di persone che si è diretta verso la sede del Congresso. Per ragioni che non sono ancora note l’apparato di sicurezza federale degli Stati Uniti non è entrato in funzione per ore. Nonostante nelle settimane precedenti ci fossero state molte minacce sui social media, le forze di polizia del Campidoglio non hanno richiesto aiuto anticipato per proteggere l’edificio. E i rinforzi della Guardia Nazionale, richiesti dalla sindaca democratica della città, non sono stati mobilitati se non un’ora dopo che i manifestanti avevano rotto le barricate. Molte le questioni sulla sicurezza che saranno oggetto di polemica e discussione nei prossimi giorni.

Nel frattempo i rivoltosi si riversavano nella aule del potere legislativo degli Stati Uniti, invadevano l’ufficio di Nancy Pelosi, si sedevano sullo scranno della presidenza del Senato, si scattavano selfie tra le statue e i quadri della storiche sale, qualcuno con una bandiera confederata. Scene mai viste nella storia del paese: l’ultima volta che il Campidoglio è stato invaso fu nel 1814 durante la guerra con la Gran Bretagna (1812-1815).

Mentre la folla dava l’assalto al Campidoglio, da Trump il silenzio. È intervenuto però Joe Biden che ha chiesto al presidente repubblicano di andare in diretta televisiva e chiedere ai suoi supporter di fermarsi in questo assalto senza precedenti alla democrazia americana:

Questo non è dissenso, è disordine. È caos. È al limite della sedizione, e deve finire adesso. Chiedo a questa folla di ritirarsi e permettere alla democrazia di andare avanti […] Questa non è la vera America ma un piccolo numero di estremisti dediti all’illegalità […] Il mondo ci sta guardando. Come tanti altri americani, sono sinceramente scioccato e rattristato dal fatto che la nostra nazione, per tanto tempo faro di luce e speranza per la democrazia, sia arrivata a un momento così buio. Attraverso la guerra e il conflitto, l’America ha sopportato molto e resisteremo anche qui e vinceremo di nuovo e vinceremo ora. Oggi è un promemoria, doloroso, che la democrazia è fragile e per preservarla richiede persone di buona volontà, leader con la schiena dritta, devoti non alla ricerca del potere e dell’interesse personale ad ogni costo, ma al bene comune.

Vengono evacuate le aule e gli uffici del Campidoglio. Il vicepresidente Mike Pence, oggetto qualche ora prima degli attacchi del presidente Trump, e il senatore Chuck Grassley, presidente pro tempore del Senato, vengono scortati fuori dal Senato. Deputati, senatori, membri dello staff e giornalisti vengono costretti a trovare un riparo, a nascondersi.

Tra la folla dei rivoltosi si aggira anche Gavin McInnes, il fondatore dei Proud Boys, in divisa militare. Ai giornalisti che seguono la rivolta arrivano insulti e minacce “fake news”, a una giornalista con accento straniero viene detto “get out of my country!”.

Il segretario alla difesa Chris Miller decide che la Guardia Nazionale della città con il supporto di altre forze provenienti dagli stati vicini verrà schierata per far fronte all’emergenza. In una dichiarazione Miller dice di averne parlato con il vicepresidente Pence, ma non con il presidente Trump.

Due ore e mezzo dopo l’irruzione, sotto la pressione del suo stesso partito, Trump decide infine di parlare in un video in cui invita i suoi supporter a tornare a casa, pur continuando a lodarne l’azione e a diffondere notizie false sulle frodi elettorali:

Go home. We love you, you’re very special. I know how you feel. But go home and go home in peace.

Facebook e Twitter sospenderanno gli account del presidente per delle ore.

Inizialmente Trump aveva twittato invitando i rivoltosi a essere pacifici, ma non a fermare l’assalto al Congresso.

I media cominciano a citare funzionari della stessa amministrazione Trump rispetto alla possibilità di invocare il Venticinquesimo emendamento per rimuovere il presidente Trump dall’incarico. Una misura che richiederebbe la maggioranza dei membri del gabinetto e il sostegno del vicepresidente Pence. Per dichiarare al Congresso che Trump non è in grado di adempiere ai suoi doveri di presidente.

Nel frattempo, i democratici hanno cercato di fare pressioni sui funzionari dell’amministrazione repubblicana per intraprendere questo passo straordinario, inviando una lettera a Pence e chiedendogli di invocare l’emendamento per rimuovere Trump dall’incarico a seguito degli eventi caotici della giornata. Alcuni democratici hanno anche chiesto che Trump venga messo sotto accusa e rimosso dall’incarico.

Quando l’intervento della guardia nazionale ristabilisce l’ordine pubblico, il Congresso ha ricominciato immediatamente le operazioni di certificazione del voto. Ma è stata anche l’occasione per molti alleati di Trump per staccarsi dal presidente e attribuirgli la responsabilità dell’accaduto. 

Il vicepresidente Mike Pence, che presiedeva il Senato, ha parlato di “giornata buia per la democrazia americana”, condannando la violenza. Il leader della maggioranza repubblicana al Senato Mitch McConnell ha dichiarato che il “Senato non sarà intimidito dai teppisti e dalla folla, non ci piegheremo all’illegalità”. Il senatore dello Utah ed ex candidato repubblicano nel 2012, Mitt Romney, ha attaccato l’insurrezione “incitata dal presidente degli Stati Uniti, un attacco senza precedenti alla nostra democrazia”, definendola l’eredità politica di Trump. Anche Lindsey Graham, il potente senatore del South Carolina e uno dei principali sostenitori di Trump, ha detto “quando è troppo è troppo, il mio viaggio con il presidente finisce qua” per poi dichiarare che “Joe Biden e Kamala Harris sono stati eletti in maniera legale”.

Anche tra i duri delle file repubblicane vi sono state defezioni. Kelly Loeffner, la senatrice sconfitta dal reverendo Warnock in Georgia e una trumpiana di ferro, ha dichiarato che “gli eventi accaduti mi hanno fatto cambiare idea e non sosterrò le obiezioni alla certificazione del voto”. Simili dichiarazioni da altri senatori che avevano deciso di opporsi alla certificazione del voto. Il senatore Tom Cotton, che in estate aveva invitato Trump a usare l’esercito contro il movimento Black Lives Matter in un editoriale del New York Times, ha aggiunto che “è tempo che il presidente accetti i risultati delle elezioni, la smetta di fuorviare il popolo americano e ripudi la violenza della folla”. Stephanie Grisham, la chief of staff di Melania Trump, ha deciso di dimettersi in seguito agli eventi di ieri e molti altri funzionari della Casa Bianca potrebbero fare lo stesso nelle prossime ore.

Molti altri deputati repubblicani hanno apertamente parlato di tentativo di colpo di stato da parte di Trump. Ma i supporter del presidente sono ancora molti tra i parlamentari: Matt Gaetz, deputato della Florida, ha dichiarato che i rivoltosi “erano antifa mascherati da sostenitori di Trump”.

La marcia su Washington ultima modifica: 2021-01-07T10:57:21+01:00 da MARCO MICHIELI

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Lascia un commento