La forza di Maia per dare forza alla Moldova

Lo scorso novembre Maia Sandu è diventata la prima presidente donna della Repubblica di Moldavia, il paese con il Pil più basso in Europa. E l’ha fatto percorrendo un cammino ostico e abbattendo pregiudizi: ecco perché, per il paese, inizierà sicuramente un nuovo capitolo.
ARIANNA TOMASI
Condividi
PDF

L’ha votata il 92 per cento dei connazionali emigrati all’estero. E il loro voto, lo scorso novembre, è stato decisivo per l’elezione di Maia Sandu, quarantotto anni, laureata in management, relazioni internazionali e presso la School of Government della Harvard University, prima donna alla guida della Repubblica di Moldavia, paese dell’Est europeo incastonato tra l’Ucraina e la Romania, divenuto indipendente dall’Urss il 27 agosto 1991, dopo un passato piuttosto travagliato tra spartizioni di territori, annessioni e suddivisioni sin dall’epoca medioevale. Più precisamente si tratta della Moldova. Moldavia, ai moldavi suona come un’espressione russa, c’è chi la gradisce e chi no. Moldova dunque. Con dizione rumena.

Per un paese ancora tradizionalista, specie nelle aree rurali, la vittoria di Maia Sandu è certamente una notizia che non è passata inosservata: è una donna giovane, con un curriculum d’eccellenza e una solida carriera alle spalle, che spinge per l’ammissione del paese all’Unione Europea e che si batte per contrastare la fuga all’estero dei suoi cittadini più giovani e la corruzione dilagante.

ytali è una rivista indipendente. Vive del lavoro volontario e gratuito di giornalisti e collaboratori che quotidianamente s’impegnano per dare voce a un’informazione approfondita, plurale e libera da vincoli. Il sostegno dei lettori è il nostro unico strumento di autofinanziamento. Se anche tu vuoi contribuire con una donazione clicca QUI

La sua elezione ha qualcosa di eccezionale anche da un punto di vista strettamente politico, considerando quanto è ancora forte il legame col passato. 

Dopo il periodo sovietico, il potere del partito comunista non si è affievolito. Alle elezioni del 2009 il Partito dei comunisti della Repubblica di Moldavia aveva confermato la sua egemonia politica conquistando la maggioranza in parlamento. Dal 2010 è andata tuttavia declinando, mentre si rafforzavano i principali partiti liberal-democratici dell’opposizione. 

A novembre 2020, la svolta: il ballottaggio per le presidenziali vede fronteggiarsi l’europeista Maia Sandu e il presidente uscente Igor Dodon, apertamente sostenuto da Putin e dal Cremlino. Questa volta a trionfare è la Sandu, con una vittoria netta. Forte del 57,3 per cento dei consensi, diventa la prima donna capo di stato in Moldavia e anche nella storia dell’Europa dell’Est. 

Dopo il dottorato in America, Maia Sandu aveva prestato servizio alla Banca Mondiale a Chisinau e poi a Washington dal 2010 al 2012 come consigliere del direttore esecutivo. In patria, invece, aveva iniziato la sua carriera politica nel 2012, quando fu nominata ministro della pubblica istruzione fino al 2015, anno in cui aveva anche fondato una lista civica divenuta poi partito politico: Partito dell’azione e della solidarietà. Nel 2016, candidatasi alle presidenziali, era arrivata al ballottaggio con Igor Dodon, appoggiato dal Cremlino, che alla fine aveva ottenuto la vittoria con pochi punti percentuali di distacco. 

Maia Sandu era stata in seguito nominata, nel giugno 2019, primo ministro, ma il suo incarico era terminato dopo poco: la corte costituzionale aveva annullato l’insediamento del governo, aprendo una crisi politica innescata dai socialisti e dall’allora presidente Dodon, sfociata poi in una mozione di sfiducia nei confronti della Sandu. Dodon era in disaccordo con una sua proposta per rendere più trasparente la nomina della massima carica giudiziaria del paese. 

Il 15 novembre 2020, dopo la vittoria di Maia Sandu, lo sconfitto Dodon si è congratulato con la Sandu ma dichiarando al contempo di essere 

obbligato a difendere il voto di coloro che hanno votato per me con tutti i mezzi legali. Vi dirò se sarà necessario scendere in piazza. Andremo per vie legali. Se i tribunali confermeranno che tutto è avvenuto legalmente, metteremo fine anche a questa campagna elettorale.

Maia Sandu, al contrario, felice per la vittoria, ribadisce orgogliosa di aver

assistito a una straordinaria mobilitazione dei moldavi. Nonostante la crisi, nonostante la scarsa fiducia nelle istituzioni e nonostante le bassezze di questa campagna elettorale, i cittadini sono andati a votare in massa. Sia qui in patria, che all’estero […] Questa vittoria appartiene alle persone che vogliono un paese migliore e un paese giusto. Voi avete vinto. Grazie per la fiducia e l’unità che siamo riusciti ad avere.

Anche l’Unione Europea si è pronunciata nei confronti della vittoria della Sandu, dopo che la presidente, europeista convinta, aveva fatto dell’avvicinamento all’Unione Europea uno dei capisaldi del suo programma, sin dalla fondazione del suo partito nel 2015. La presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen, ha rivolto un messaggio proprio alla neo-eletta presidente sostenendo a nome dell’UE che la sua vittoria 

è un chiaro appello per contrastare la corruzione e ripristinare il rispetto dello stato di diritto, la strada per un futuro prospero. L’Ue è pronta a sostenere la Moldavia.

Le sfide che attendono la neoeletta presidente sono cruciali. La Moldavia è da decenni tra i paesi del continente con il Pil più basso. La corruzione è endemica nel paese e l’emigrazione massiccia sottrae risorse e intelligenze al suo sviluppo. Inoltre, l’attuale crisi economica è stata fortemente aggravata dalla pandemia, con 89mila contagi e oltre duemila morti su tre milioni e mezzo d’abitanti.

Voglio che smettiamo di associare la Moldavia alla povertà, alla corruzione e all’emigrazione […] I moldavi vogliono uno Stato che non li derubi e non protegga i ladri, 

ha dichiarato la neoeletta presidente. 

La Moldavia è una repubblica parlamentare, sotto l’ipoteca, però, di una presenza pervasiva dei vecchi apparati legati all’eredità del comunismo. Anche Maia Sandu dovrà farci i conti, non essendo riuscita a ottenere la maggioranza in parlamento.

Oltretutto, Sandu si è prefissata di ottenere da Bruxelles lo “scongelamento” dei fondi bloccati nel 2015, dopo una grossa frode finanziaria e bancaria che aveva fatto sparire un miliardo di dollari, pari a circa il quindici per cento del Pil. Inoltre, la presidente ha più volte ribadito la sua volontà di attenuare la forte emigrazione che da decenni caratterizza il paese, soprattutto a causa dell’arretratezza da cui la Moldavia fatica a uscire. Le politiche degli ultimi decenni si sono dimostrate miopi, volte a proteggere gli interessi di pochi a discapito della maggior parte del popolo. Si stima che oggigiorno circa duecentomila moldavi abitino all’estero: la loro fiducia verso Maia Sandu è stata determinante per la sua vittoria, dal momento che il 92 per cento dei voti provenienti dai moldavi all’estero era per Sandu, molti anche presenti nel nostro paese. 

Anche a livello personale Maia Sandu ha dovuto subire numerose critiche e delegittimazioni per il suo essere una donna al potere, sferrate soprattutto dal suo diretto oppositore Igor Dodon. Basti pensare a quando, durante la campagna elettorale, Dodon espresse più volte considerazioni del tutto misogine e sessiste, tra cui: “Maia Sandu non ha figli. Come può una che non ha saputo essere madre diventare una buona guida per il paese?!” 

Nonostante tutte queste sfide, la vittoria di Maia Sandu fa ben sperare per il futuro: il Paese potrebbe finalmente riuscire a imboccare la strada verso una più lungimirante politica economica all’interno dei confini nazionali e anche in politica estera. In particolare, sebbene la Moldavia non abbia ancora presentato la sua richiesta ufficiale di ammissione all’Ue, un avvicinamento e una più stretta collaborazione con Bruxelles appare più che probabile. 

Infine, un altro tassello fondamentale della politica estera di Sandu riguarda la complessa situazione della Transnistria, regione orientale della Moldavia, confinante con l’Ucraina e autoproclamatasi indipendente il 2 settembre 1990, senza aver mai ottenuto alcun riconoscimento dalla comunità internazionale. 

Dopo messi di guerra, dal luglio 1992 si stabilirono sul territorio truppe russe, sulla base dell’“Accordo sui principi della risoluzione pacifica del conflitto armato nella regione transnistriana della Repubblica di Moldavia”, firmato il 21 luglio 1992 dai presidenti della Federazione russa e della Moldavia alla presenza del leader della Transnistria. 

Oggi nella regione è presente un gruppo operativo di circa duemila soldati e ufficiali russi all’interno di una missione di peacekeeping, mentre un enorme arsenale è stanziato presso la città di Kolbasna. Qui sono immagazzinate più di ventimila tonnellate di munizioni, il cui smaltimento era iniziato nel 2003 ma era stato bloccato poco dopo a causa di tensioni crescenti all’interno della Moldavia. 

Sandu aveva già affrontato la questione transnistriana durante la campagna elettorale e, appena eletta, ha subito chiesto il ritiro delle truppe russe dalla Transnistria e una sostituzione delle forze di pace russe nella regione con una missione di osservatori civili sotto gli auspici dell’OSCE, dal momento che “non vi è pericolo di scontri armati ormai da molto tempo”. Per farlo, Sandu intende riprendere i negoziati nella formula del “5+2” (Moldavia, Transnistria, OSCE, Federazione Russa, Ucraina, Unione Europea, Stati Uniti). 

In Transnistria c’è un gruppo operativo di truppe della Federazione russa, rispetto al quale non ci sono mai stati accordi da parte della Moldavia. Pertanto, la posizione dello Stato è che queste truppe dovrebbero essere ritirate e le armi dovrebbero essere rimosse dal territorio del nostro paese […] Continuerò a discutere di questo problema con la leadership della Federazione russa. L’anno scorso, il ministro della Difesa russo Sergej Shoigu è venuto a trovarci e ha detto che la Russia è pronta ad aiutare nello smaltimento delle armi.

Nonostante le grandi e pesanti sfide che è chiamata ad affrontare, Maia Sandu ha la stoffa per condurre il paese fuori dalla sua perdurante condizione di arretratezza e per aumentare il peso politico della Moldavia sia nel contesto dell’Est europeo sia in virtù di un’entrata nell’Unione Europea, forte della vittoria già ottenuta e del riscatto che ha conquistato in patria.

La forza di Maia per dare forza alla Moldova ultima modifica: 2021-01-09T20:22:37+01:00 da ARIANNA TOMASI

VAI AL PROSSIMO ARTICOLO:

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Lascia un commento