Faccetta nera e facce di bronzo

Saprebbe di vergogna il tentativo di ritenere chiusa, quindi definitivamente risolta, la brutta vicenda che ha visto un’assessora della giunta regionale del Veneto declinare, con la copertura di chi ha accettato le sue scuse, l’episodio dell’allegra cantata in radio di Faccetta nera come gioco spensierato in un momento di vomitevole allegria.
ROBERTA BRUSA
Condividi
PDF

Saprebbe di vergogna il tentativo di ritenere chiusa, quindi definitivamente risolta, la brutta vicenda che ha visto un’assessora della giunta regionale del Veneto declinare, con la copertura di chi ha accettato le sue scuse, l’episodio dell’allegra cantata in radio di Faccetta nera come gioco spensierato in un momento di vomitevole allegria.

ytali è una rivista indipendente. Vive del lavoro volontario e gratuito di giornalisti e collaboratori che quotidianamente s’impegnano per dare voce a un’informazione approfondita, plurale e libera da vincoli. Il sostegno dei lettori è il nostro unico strumento di autofinanziamento. Se anche tu vuoi contribuire con una donazione clicca QUI

Troppo, perché troppo affidato all’ipocrisia, che in politica è ancor più malefica rispetto ad altri contesti. Quello del dolore e dello strazio non può essere terreno in cui continuare a seminare e coltivare ambiguità, che ambiguità non sono affatto. Nell’intervista rilasciata da Zaia a la Repubblica ciò che colpisce è la colossale mistificazione di voler far credere che la Lega, la Lega di Salvini, sia il baluardo dell’antifascismo militante, anzi della frontiera più avanzata contro l’antisemitismo. Tra l’altro, penosa, e più che rivelatrice, l’affermazione “nella mia famiglia c’è chi è stato partigiano”, perché ricorda il “ma io non sono razzista”, excusatio non petita propria di chi è razzista.

Luca Zaia e Elena Donezzan

Oltretutto, quello sbandierare dei suoi saperi sull’ebraismo veneziano, sulla storia culturale ebraica, sulle sue conoscenze personali con esponenti politici e religiosi del mondo ebraico, sa di patetica improvvisazione del tipo comunicazioni surreali, così come succede allo Zaia esperto sanitario contro il virus.

Da ultimo, come non inorridire dinanzi a quel mescolare l’antifascismo e lo stare sempre dalla parte del passato e del presente della storia degli ebrei con la battuta a difesa della Donazzan pronunciata da Zaia: “È stata un’uscita davvero improvvida”. Improvvida? Per la verità, non sono mancate, in tutta evidenza, consapevolezza e lucidità in ciò che l’assessora andava argomentando riguardo al fascismo e al suo “meraviglioso” zio Costantino, con cui da piccola cantava Faccetta nera! Infine, bisognerebbe che Salvini spiegasse al suo sodale amico Zaia che il miglior antifascismo leghista lo si è visto all’opera quando “respingeva” in mare esseri umani disperati, spesso lasciati morire annegati.

Luca Zaia intervistato da la Repubblica, 26 gennaio 2021

Oppure, altri “buoni esempi” continuano a esserci per Zaia, “l’ottimo”: lungo le frontiere croate e ungheresi gli amici politici della Lega torturano e abbandonano morenti sulla neve coloro che vorrebbero trovare salvezza in Europa, oltre le frontiere sovraniste. Comunque lo Zaia dalla parte della Donazzan potrebbe, antifascisticamente, candidarsi (con il sostegno culturale e politico di qualche sperduto a sinistra) a essere il produttore del secondo capitolo del film Tolo Tolo. Ammesso e non concesso che Checco Zalone accettasse simili frequentazioni.

Faccetta nera e facce di bronzo ultima modifica: 2021-01-27T15:48:18+01:00 da ROBERTA BRUSA

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Lascia un commento

sostieni ytali.com

la sua indipendenza dipende da te

YTALI.COM È UNA RIVISTA GRATUITA E INDIPENDENTE. NON HA FINANZIATORI E VIVE GRAZIE AL SOSTEGNO DIRETTO DEI SUOI LETTORI. SE VUOI SOSTENERCI, PUOI FARLO CON UNA DONAZIONE LIBERA CHE ORA È ANCHE FISCALMENTE DETRAIBILE O DEDUCIBILE DAL TUO REDDITO, PERCHÉ SIAMO UN’A.P.S. ISCRITTA AL R.U.N.T.S. (art 83 Dlgs 117/2017)