Escalation a Gaza. Video-conversazione con Saad Kiwan

Con il giornalista e saggista libanese analizziamo l'evoluzione drammatica degli ultimi eventi, dentro la cornice più ampia degli interessi geopolitici in gioco nella regione mediorientale, con al centro, come massimo protagonista, l’Iran.
scritto da GUIDO MOLTEDO
Condividi
PDF

Le ultime notizie La guerra tra Israele e Hamas non si ferma. Il conflitto anzi si allarga, con lo Stato ebraico deciso ad andare avanti “fino a quando sarà necessario”. Le speranze di una tregua sembrano esili, anche se gli Stati Uniti di Joe Biden hanno spedito nella regione l’inviato per il conflitto israelo-palestinese Hady Amr per incontrare le parti e cercare una de-escalation. “Israele ha il diritto di difendersi” ha affermato in serata il presidente americano, che poi parlando al telefono col premier israeliano Benjamin Netanyahu ha lanciato un appello perché venga al più presto ripristinata la calma.
Ma sul terreno la situazione continua a peggiorare. A fronte di oltre 1.200 razzi arrivati da Gaza – sette le vittime israeliane finora, compreso un bambino di sei anni colpito a Sderot, un bilancio contenuto grazie al sistema di difesa Iron Dome – il ministro della Difesa Benny Gantz ha detto che Israele non è pronto per un cessate il fuoco. Dalla Striscia – dove le vittime sono almeno 53, “compresi 14 bambini e minori, e tre donne”, secondo i dati del ministero della Sanità locale – Hamas e la Jihad islamica hanno alzato il tiro lanciando 15 razzi in direzione di Dimona, dove c’è un sito nucleare israeliano. Ma anche verso Beer Sheva nel Negev e in serata attorno a Tel Aviv. Israele ha risposto eliminando importati dirigenti militari di Hamas in un’operazione congiunta tra esercito e Shin Bet. Un colpo che ha centrato uomini vicinissimi al capo dell’ala militare di Hamas – le Brigate Al Qassam – Mohammed Deif.
L’aria che si respira in Israele è quella di un conflitto destinato a prolungarsi. [dall’ANSA]

Con Saad Kiwan, giornalista e saggista, con base a Beirut, analizziamo l’evoluzione drammatica degli ultimi eventi, dentro la cornice più ampia degli interessi geopolitici in gioco nella regione mediorientale, con al centro, come massimo protagonista, l’Iran.

Escalation a Gaza. Video-conversazione con Saad Kiwan ultima modifica: 2021-05-14T12:41:28+02:00 da GUIDO MOLTEDO

VAI AL PROSSIMO ARTICOLO:

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Lascia un commento