Papà coraggio

Pete Buttigieg presenta al mondo i suoi due figli. Mai prima di lui un esponente dell’Amministrazione americana aveva fondato una famiglia omogenitoriale.
YTALI
Condividi
PDF

Complimenti ai papà! Dopo aver annunciato qualche settimana fa – il 17 agosto – di essere sul punto di diventare padre, sabato Pete Buttigieg, il segretario dei Trasporti americano, ha presentato al mondo i due bambini che ha adottato insieme al marito, Chasten Glezman. Lo ha fatto con una foto in bianco e nero, pubblicata sui social, nella quale lui e Chasten tengono in braccio i due neonati.

In questo modo, il trentanovenne Buttigieg infrange l’ennesima barriera. Primo membro apertamente gay di un governo federale americano, nel febbraio del 2020 è stato il primo candidato dichiaratamente omosessuale a vincere una tappa delle primarie nella corsa alla Casa bianca. Ora, diventando padre, l’esponente dell’amministrazione Biden dà visibilità e voce alle famiglie omogenitoriali.

Condividendo la notizia sui social, Buttigieg ha scritto:

Chasten e io siamo immensamente grati per tutti gli auguri che abbiamo ricevuto da quando abbiamo annunciato che saremo diventati genitori. Siamo felici di accogliere nella nostra famiglia Penelope Rose e Joseph August Buttigieg. 

Non sono state date maggiori informazioni sui due neonati, ma si crede che siano gemelli, dal momento che sono arrivati insieme. Si mormora anche che uno dei due sia stato chiamato Joseph, in onore al padre di Pete, il professore Joseph Anthony Buttigieg II, il quale, tra le altre cose, è stato un grande studioso di Gramsci. 

Vari esponenti del governo e del Congresso si già sono congratulati pubblicamente con Pete e Chasten. Tra essi ci sono anche alcuni membri del Camera dei rappresentanti dichiaratamente gay – David Cicilline, Mark Pocan e Sharice Davids -, l’ex rivale nelle primarie democratiche Amy Klobuchar e la portavoce della Casa bianca Jen Psaki. 

Papà coraggio ultima modifica: 2021-09-06T22:52:26+02:00 da YTALI

VAI AL PROSSIMO ARTICOLO:

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Lascia un commento