“Bianco Nero e Rosso”

Todimmagina ricorda la fotografa veneziana Gabriella Mercadini.
ANDREA MEROLA
Condividi
PDF

Sabato 25 settembre scorso il festival internazionale di fotografia Todimmagina, alla sua seconda edizione causa lockdown per il Covid, ha presentato una retrospettiva di Gabriella Mercadini, veneziana, nota ai più come la fotografa del manifesto, poiché fu il giornale cui maggiormente dedicò il suo lavoro. Sono circa cento immagini, originali tratte per l’appunto dall’archivio del manifesto, tutte cartacee, stampate in 18 x 24, con didascalia e firma autografa di Gabriella, cioè scritte a mano col pennarello sul bordo inferiore della stampa, come lei usava fare. Documentano emozioni, sogni, speranze, conflitti di uomini e donne di un tempo che non c’è più, quando si credeva veramente di poter cambiare il mondo solo volendolo.

ytali è una rivista indipendente. Vive del lavoro volontario e gratuito di giornalisti e collaboratori che quotidianamente s’impegnano per dare voce a un’informazione approfondita, plurale e libera da vincoli. Il sostegno dei lettori è il nostro unico strumento di autofinanziamento. Se anche tu vuoi contribuire con una donazione clicca QUI

La mostra è un omaggio a Gabriella, la fotografa del manifesto, la fotografa delle donne e degli operai, fotografa comunista, che per lei significava pane e giustizia per tutti: quasi una “comunarda”, la sua militanza si espresse nella fotografia sociale, rigorosamente in bianco e nero, perché il colore ti può confondere emozionalmente.

La retrospettiva di Todimmagina serve sopratutto a sottrarla dall’oblio del tempo che scorre, perché il suo impegno finì quando la gente non scese più in piazza per cambiare il mondo.

“Bianco Nero e Rosso” ultima modifica: 2021-09-28T20:16:00+02:00 da ANDREA MEROLA
Iscriviti alla newsletter di ytali.
Sostienici
DONA IL TUO 5 PER MILLE A YTALI
Aggiungi la tua firma e il codice fiscale 94097630274 nel riquadro SOSTEGNO DEGLI ENTI DEL TERZO SETTORE della tua dichiarazione dei redditi.
Grazie!

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Lascia un commento