Draghi, what else?

Nei suoi termini essenziali, la battaglia per il Quirinale è una battaglia in cui i partiti si giocano l’osso del collo. O riescono a riconquistare una parte almeno del potere di cui disponevano, oppure dovranno sopportare per sette lunghi anni l’ingombrante presenza di un uomo che, prima di ogni altra cosa, è più bravo di loro a fare il loro mestiere
FABRIZIO RONDOLINO
Condividi
PDF

Se il presidente della Repubblica fosse eletto dagli italiani, Mario Draghi vincerebbe senza neppure il bisogno di una campagna elettorale. Se a scegliere il nostro capo dello stato fossero le cancellerie occidentali, la Nato o l’Unione europea, il risultato non cambierebbe. E sarebbe identico se a votare fossero i mercati. Ci troviamo dunque nella felice condizione in cui l’uomo della strada, le tecnocrazie sovranazionali, la finanza internazionale e i governi alleati condividono lo stesso candidato. Ma al voto, come sappiamo, sono chiamati mille grandi elettori espressione dei partiti politici: e questo, naturalmente, complica le cose.

ytali è una rivista indipendente. Vive del lavoro volontario e gratuito di giornalisti e collaboratori che quotidianamente s’impegnano per dare voce a un’informazione approfondita, plurale e libera da vincoli. Il sostegno dei lettori è il nostro unico strumento di autofinanziamento. Se anche tu vuoi contribuire con una donazione clicca QUI

Perché ai partiti Draghi non piace neanche un po’: si sono risolti ad appoggiarlo perché hanno fatto bancarotta, e lo detestano proprio perché ricorda loro ogni giorno quanto siano incapaci, inetti e sostanzialmente inutili. In questa legislatura i partiti hanno dato vita a due governi opposti, di estrema destra e di estrema sinistra, guidati entrambi dallo stesso ineffabile premier, entrambi rovinosamente caduti per manifesta incapacità: così comportandosi, hanno dimostrato di non essere in grado di governare il Paese. Per questo hanno subìto la scelta di Mattarella in favore di Draghi, per questo lo detestano, e per questo non vedono l’ora di sbarazzarsene.

Nei suoi termini essenziali, la battaglia per il Quirinale è una battaglia in cui i partiti si giocano l’osso del collo. O riescono a liberarsi di Draghi, e a riconquistare così una parte almeno del potere di cui disponevano, oppure dovranno sopportare per sette lunghi anni l’ingombrante presenza di un uomo che, prima di ogni altra cosa, è più bravo di loro a fare il loro mestiere. Per un paradosso curioso, ma non inusuale, anni e anni di demolizione del merito, di “uno vale uno”, di populismo e di diffuso qualunquismo hanno prodotto un effetto opposto: l’unica forza di Draghi, infatti, è il suo curriculum. E gli italiani, abituati da un quarto di secolo a farsi intortare dal fenomeno di turno, hanno improvvisamente scoperto quanto contino il merito, le capacità, la preparazione e la cultura – forse perché la salute e i soldi valgono troppo per essere affidati a una mutevole compagnia di saltimbanchi.

Nessun partito italiano ha oggi una visione del Paese, del suo orizzonte, del suo ruolo nel mondo: e questa non è una buona notizia. L’esangue debolezza del sistema politico è ormai un rischio strutturale che preoccupa le imprese e i mercati, l’Europa e il “partito del Pil”, e più in generale chiunque abbia la testa sulle spalle. La verità, purtroppo, è semplice: i partiti italiani possono riprendersi spazi anche ampi di potere, ma non sono in grado di gestirlo. Vorrebbero al Quirinale uno di loro – uno di cui abbiano il numero di telefono, come amano sintetizzare in queste settimane molti grandi elettori – in nome di quel primato della politica che, in sé sacrosanto, è stato polverizzato in questi anni proprio dai partiti. Se infatti sono i primi ad inveire contro la “Casta”, ad autodenunciarsi come ladri e ad autoridursi le “poltrone” per conquistare qualche voto, perché mai gli si dovrebbe affidare il governo del Paese? Il suicidio rituale della politica richiederebbe un periodo di rigenerazione e di rifondazione che nessuno oggi sembra in grado neppure di immaginare.

L’unico riflesso condizionato che scatta – l’ultimo, quello decisivo – è l’istinto di sopravvivenza del ceto politico, che si sente giustamente minacciato da un alieno, stimato sì in tutto il mondo, ma di cui non ha il numero di telefono. I partiti faranno di tutto per sbarrare a Draghi la strada del Quirinale: e, dal loro punto di vista, hanno tutte le ragioni per provarci. Tuttavia non hanno un candidato condiviso e sanno che una maggioranza presidenziale diversa da quella che regge il governo aprirebbe le porte alla crisi e alle elezioni, volute forse da qualche leader ma certamente temute come la peste dalla stragrande maggioranza dei parlamentari in carica. È dunque probabile che anche questa volta i partiti escano sconfitti, e Draghi entri al Quirinale. Se capissero ancora di politica, sarebbero felici di questo esito: perché all’ombra di una presidenza solida e rispettata potrebbero avviare quel processo di profonda rigenerazione che, solo, consentirebbe loro di riprendersi prima o poi il potere e il rispetto perduti.

Draghi, what else? ultima modifica: 2022-01-04T18:21:10+01:00 da FABRIZIO RONDOLINO
Iscriviti alla newsletter di ytali.
Sostienici
DONA IL TUO 5 PER MILLE A YTALI
Aggiungi la tua firma e il codice fiscale 94097630274 nel riquadro SOSTEGNO DEGLI ENTI DEL TERZO SETTORE della tua dichiarazione dei redditi.
Grazie!

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Lascia un commento