Ma in fin dei conti cosa ci manca?

ALBERTO FANTUZZO
Condividi
PDF

Vero sì o no che abbiamo un sacco di cose? Venezia è unica, lo dicono anche le pubblicità sugli abbonamenti e i pontili. Fra poco avremo anche un stadio nuovo, ma questo sarà circondato da molti alberi. Anche quello di S. Elena aveva molti alberi attorno, ma forse non bastavano… Saremo i primi al mondo ad avere una ferrovia col cappio. Non è una grande immagine, ma si vende bene. Abbiamo anche asili nido che tengono aperto giorno e notte e dove si parla inglese, e per gestirli utilizzeremo tanto personale, magari trovato tramite agenzie interinali, perché non è che gli appalti possono durare in eterno. Tra poco avremo il salone nautico dove arriverà un sacco di gente piena di soldi. Peccato che non sia rimasto troppo spazio per le imbarcazioni tradizionali veneziane, che pure hanno un consigliere che se ne occupa. Avremo anche un mutuo, tutti insieme, perché è meglio dividere le spese, come in pizzeria. Chi non ha un mutuo? Ogni famiglia ce l’ha. E noi siamo una grande famiglia! E abbiamo proprio voluto farlo, nonostante fossero avanzati tanti soldi nel nostro conto di famiglia, perché sappiamo guardare al futuro. Con un po’ dei soldi che avanzavano abbiamo comprato, per la città naturalmente, il capannone che ha fatto la storia del sindacato e dei lavoratori a Marghera e in Italia. Abbiamo ancora qualche dubbio sul fatto che ci potranno essere dei lavoratori in futuro, ma intanto abbiamo il capannone. Casomai lo affitteremo per qualche evento di vip, che a Marghera farebbero la loro bella figura. E i vaporetti e gli autobus? Io ne vedo un sacco… Meno male che c’è tanta gente ci vuole salire! E se ogni tanto bisogna aspettare venti minuti o mezz’ora prima che arrivi il prossimo, l’importante è mettersi in prima fila, se serve anche sgomitando. Anche il sole, ogni mattina, si alza in cielo, a est. Forse anche questo per merito di qualcuno. L’acqua cresce per sei ore e per sei ore cala. Magia o sapiente regia di qualcuno? Perché allora fare i rancorosi, gli ipercritici, i rompiscatole, per dire che c’è qualcuno che avrebbe bisogno di altro? L’importante è accontentarsi e soprattutto non disturbare il conducente! Perché deve guidare bene. Gliel’ha chiesto il 54 per cento del 70 per cento dei veneziani. E hanno firmato in bianco. Quindi ssst!

Ma in fin dei conti cosa ci manca? ultima modifica: 2022-05-13T18:29:33+02:00 da ALBERTO FANTUZZO

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Lascia un commento

sostieni ytali.com

la sua indipendenza dipende da te

ytali.com è una rivista gratuita e indipendente. Non ha finanziatori e vive grazie al sostegno diretto dei suoi lettori. se vuoi sostenerci, puoi farlo ora con una donazione libera.