Incubazione e innovazione. Un progetto transatlantico in laguna

In collaborazione con la veneziana SerenDPT, la bostoniana MIT è sbarcata alla Giudecca con un piano: aiutare nuove imprese a nascere a Venezia, dove possano creare nuovi posti di lavoro e nuove economie, e quindi contribuire a ripopolare la città. Ecco i primi risultati.
PAUL ROSENBERG
Condividi
PDF

English Version

Il termine “incubatore di startup” fa venire in mente un’immagine dell’epoca dei primi anni 2000 – stanze piene di giovani superoccupati nel loro lavoro, furiosamente dediti a programmare con i loro computer, giorno e notte, mangiando e dormendo seduti alle loro scrivanie, giornate intervallate da scoppi di attività elettrizzati dalla caffeina. Ma ora siamo nel 2022, e siamo a Venezia, più precisamente alla Giudecca, e sì, anche qui c’è abbondanza di caffè, ma l'”incubazione” in corso è molto più varia – e notevolmente più in relax – di quanto suggerisca l’immagine sopra. Nessuno qui passa le notti alla propria scrivania, ma questo non vuol dire che non ci sia tanto lavoro e impegno. Anzi.

Nell’ex Chiesa dei Santi Cosma e Damiano, alla Giudecca, detta anche fabbrica ex-Herion (dove un tempo, per un periodo, c’era un’impresa di confezioni), attualmente chiamata “H3”, oggi ci sono persone di tutte le età che lavorano a nuovi progetti, piani e idee mirati alla creazione di nuove imprese e di nuovo lavoro a Venezia. L’obiettivo generale è in realtà abbastanza semplice, e perfino low-tech: aiutare nuove imprese a nascere a Venezia, dove possano creare nuovi posti di lavoro e nuove economie, e quindi aiutare a ripopolare la città. [Per maggiori dettagli su SerenDPT, la società di benefit che è la forza trainante di queste iniziative, si veda il suo sito web].

Se molte delle iniziative in corso hanno sicuramente un contenuto di tecnologia, H3 è utilizzato anche per coltivare iniziative culturali e giornalistiche, e per ospitare concerti (nell’abside acusticamente spettacolare) ed eventi internazionali. Qui risiede anche un compositore, Emanuele Wiltsch Barberio. Il suo nuovo album, In Cosmo, è stato registrato qui all’H3 nel bel mezzo del primo lockdown, e recentemente è stato presentato in anteprima su NTS, una delle principali stazioni in Europa.

Insomma, a H3 stanno accadendo molte cose che non sono del tutto in linea con la tipica immagine evocata dall’”incubatore di startup”. Come Venezia stessa, la dinamica è più complessa e corre più in profondità delle immagini superficiali evocate dal nome.

Uno dei grandi eventi che si sono svolti qui di recente è stato il Final Pitch per il primo progetto MITDesignX Venice. Per dirlo con le loro parole,

MITdesignX Venice è un programma della MIT School of Architecture and Planning (SA+P) dedicato a innovazione e imprenditorialità nel design, che mira a sostenere imprenditori locali e ad aiutare a lanciare nuove imprese e organizzazioni volte alla risoluzione di problemi che vivono una città come Venezia e altre città costiere e storiche, e luoghi che subiscono una grave perdita di popolazione residente.

Al bando hanno fatto domanda in 56 e dieci sono stati scelti per partecipare a un intenso programma di tre mesi, concepito per aiutare le nuove imprese a evolversi e a crescere – e alla fine avere successo – proprio qui a Venezia.

I progetti selezionati, che sono stati presentati la scorsa settimana, sono innovativi e interessanti. Ecco una breve descrizione basata su quanto si legge sui rispettivi siti web:

2GIFT

Gift agevola, promuovendo gli acquisti in negozi e supermercati del posto, un’iniziativa locale o un circolo sportivo di quartiere.

ACCA INDUSTRIES

Un dispositivo utilizza fonti di energia rinnovabile per ridurre il consumo di carburante e le emissioni di CO2 e inquinanti dei motori a combustione.

AGROPOP

Agropop è un progetto di TECTUM GARDEN, uno spin-off dell’Università Autonoma di Barcellona, ​​creato da sei ricercatori che lavorano nell’agricoltura urbana. AgroPop è il nuovo servizio per progettare e mantenere le piante da esterno. Con questo progetto si vuole aiutare le persone a far crescere piante, nei propri terrazzi e balconi, trasformando le città in luoghi più verdi e sostenibili.

ARTI

Mette a disposizione di Comuni, Fondazioni e Musei un’innovativa piattaforma di raccolta fondi per la conservazione del patrimonio. Il donatore può decidere la porzione di monumento o di manufatti che intende sostenere e registrare la donazione in modo immutabile. Le donazioni sono premiate con buoni acquisto di prodotti e servizi locali, legati alle tradizioni e alla creatività che arricchiscono la nozione di Patrimonio.

E-DOCK

La missione è quella di ridurre l’inquinamento marino creando la prima rete mondiale di infrastrutture di ricarica per gli utenti di barche elettriche grazie a un sistema brevettato di ricarica e docking E-dock.

FAIRUP

Immaginiamo un mondo in cui i viaggiatori contribuiscano a migliorare i luoghi che visitano. È stato realizzato un marketplace ricco di esperienze uniche che ti permettono di aggiungere “valori” al tuo tempo. Quando prenoti Fairup, doni metà della commissione a un progetto sociale locale, legato all’esperienza. Vivi nuove esperienze con noi e arricchisci le community che visiti.

PESCO

Promuove la pesca sostenibile attraverso una piattaforma web che collega gli appassionati di pesca globali con esperti locali che possono condividere conoscenze e attrezzature, ammortizzandone i costi.

REHUB

Rehub dà nuovo valore ai rifiuti di vetro. Hanno sviluppato un processo per trasformare i rifiuti di vetro di Murano in una “pasta” che può essere estrusa utilizzando una stampante 3D o iniettata all’interno di stampi, creando nuovi oggetti realizzati al cento per cento in vetro di Murano, riducendo il consumo energetico e l’impatto ambientale del industria del vetro.

SEA THE CHANGE

Sea the Change è una startup innovativa a vocazione sociale che offre la possibilità alle aziende di massimizzare le proprie strategie di sostenibilità ambientale guidandole nella tutela degli ecosistemi marini e rendendo gli individui protagonisti della salvaguardia dei mari.

Sea the Change è una startup innovativa a vocazione sociale che offre la possibilità alle aziende di massimizzare le proprie strategie di sostenibilità ambientale guidandole nella tutela degli ecosistemi marini e rendendo gli individui protagonisti della salvaguardia dei mari.

VOGA YACHTS

Voga Yachts progetta e produce imbarcazioni elettriche a idrogeno, che riducono il moto 

L’evento MITDesignX Final Pitch, dove queste aziende hanno presentato i risultati del loro lavoro e i loro prodotti ormai evoluti, si è svolto qui la sera del 23 novembre 2022, è stato registrato in diretta ed è disponibile per la visione qui (l’evento è in inglese) .

Come accennato in precedenza, MITDesignX Venice è distante da tutto ciò che accade all’H3 e molte delle attività in corso saranno presentate nelle prossime settimane e mesi. Per ora, fai incubare queste idee imprenditoriali! C’è una casa per loro, qui a Venezia.

Incubazione e innovazione. Un progetto transatlantico in laguna ultima modifica: 2022-11-30T20:00:41+01:00 da PAUL ROSENBERG
Iscriviti alla newsletter di ytali.
Sostienici
DONA IL TUO 5 PER MILLE A YTALI
Aggiungi la tua firma e il codice fiscale 94097630274 nel riquadro SOSTEGNO DEGLI ENTI DEL TERZO SETTORE della tua dichiarazione dei redditi.
Grazie!

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Lascia un commento