2023, un anno straordinario per ytali. Grazie a voi

YTALI
Condividi
PDF

Il 2023 è stato un anno che ha visto crescere ytali.com e possiamo ragionevolmente sperare in un’ulteriore crescita nel 2024, in termini di ampliamento della nostra platea e di numero di iniziative promosse dalla rivista e quindi in termini di reputazione e di riconoscimento della testata e del suo valore. È un successo che dobbiamo a voi. Ai nostri lettori, a cui chiediamo di rinnovare la loro fiducia e il loro appoggio nel 2024. La nostra indipendenza – zero pubblicità, zero sponsorizzazioni, accesso gratuito a tutti gli articoli e a un vasto archivio – dipende unicamente dal vostro generoso sostegno.

2023: un anno di crescita per ytali

Lo scorso anno abbiamo visto salire sensibilmente il numero di lettori. Il tempo medio di lettura resta molto alto: tra i 2.5 e i tre minuti. Settimana ytaliana, la nostra newsletter settimanale, in uscita ogni mercoledì, ha oltre duemila abbonati [QUI per inviare la propria email e ricevere la newsletter].
Aumenta intanto il numero di articoli pubblicati quotidianamente, molti dei quali anche in inglese, in sintonia con la crescita del nostro pubblico internazionale.

Di grande successo le rubriche che sono ormai un tratto distintivo della rivista: Politically Correct, curata da Matteo Angeli; Tre_Monti, curata da Marcello Di Martino; Perché poesia, a cura di Gabrio Vitali; oltre alla sezione dedicata al mondo di lingua tedesca, Un certo sguardo, a cura di Sandra Paoli.

ytali: profondamente radicata a Venezia

La collaborazione di ytali.com con organizzazioni e iniziative veneziane è parte importante della nostra presenza in città. Il 2023 ci ha visto protagonisti di diversi eventi di grande risonanza. Fa piacere ricordare in particolare l’incontro sul lavoro a distanza tenutosi il 22 febbraio all’Ateneo Veneto. Imprese, enti e protagonisti della vita culturale veneziana hanno partecipato a questa stimolante serata sponsorizzata da ytali.com

A collage of men in a workshop

Description automatically generated

Ci è gradito anche citare un altro evento di successo e di risonanza nella città: la presentazione de La nostra città, un libro a più voci, di autori di ytali.com, dedicato a tutti i veneziani che tengono viva e attiva la città, contrastando fattivamente la deriva verso la monocultura turistica.

A colorful cityscape with text

Description automatically generated

La presentazione del libro è avvenuta all’Ateneo Veneto il 7 giugno, un vivace pop up condotto dall’artista Gianni De Luigi, con interventi degli autori e dei protagonisti del libro, intervallati da brani musicali del repertorio folk veneziano eseguiti alla chitarra da Giovanni Dell’Olivo. Un’indimenticabile serata. Rinnoviamo il nostro ringraziamento all’Ateneo Veneto e alla sua presidente, Antonella Magaraggia, per la generosa ospitalità concessa all’iniziativa in uno dei luoghi più prestigiosi della cultura veneziana e della storia della città.

La serata è stata registrata e può essere vista qui.

A person standing in front of a crowd of people

Description automatically generated

ytali.com, internazionale come lo è Venezia

I lettori di ytali.com ne conoscono la variegata e ricca offerta di temi internazionali, nei campi della politica, della geopolitica e della cultura, scritti da autori di riconosciuta esperienza e rinomanza. Dall’Asia al Medio Oriente, all’Europa, all’America Latina, agli USA, fino ai grandi temi ambientali, demografici, migratori, ytali.com è orgogliosa di essere una rivista plurale, aperta a prospettive e idee da ogni parte del mondo.

Nel 2023 abbiamo deciso di far fare un salto di qualità significativo a ytali.com, valorizzandone la vocazione e la missione di rivista internazionale. Nel corso dell’anno abbiamo pertanto lavorato, con un gruppo di autori e sostenitori statunitensi, alla creazione di una nuova iniziativa, un’edizione internazionale di ytali.com, YtaliGLOBAL. Di questo siamo particolarmente grati a Paul Rosenberg, che coordina il gruppo, a Judith Stiles, Clarissa Gayton e Nicolò Busetto.

A close-up of a logo

Description automatically generated

Questa entusiasmante iniziativa sfocerà nella realizzazione, nella prima parte del 2024, di un vero e proprio sito gemello ma indipendente, in lingua inglese e rivolto alla grande platea che parla inglese.

Venezia resta un incrocio di cultura, culture e scambi, nonostante tutti i suoi ben noti problemi, o forse anche per i suoi problemi. Dopo tutto i temi che spesso mettono Venezia al centro dell’attenzione dei media – cambiamento climatico, residenzialità, overtourism, lavoro/lavori, trasporti – sono temi che ci si trova ad affrontare in tutto il mondo. Nel 2024 ytali.com approfondirà e irrobustirà la sua connessione con Venezia espandendo nel contempo il suo orizzonte globale.

In ricordo di un caro amico e collaboratore

Compito triste di una rivista è anche pubblicare articoli in ricordo di musicisti, scrittori, campioni dello sport, pensatori, personaggi dello spettacolo, politici, in occasione della loro scomparsa.  Nel 2023 sono stati numerosi i necrologi di ytali.com, ma quello che ci ha toccato anche personalmente e che abbiamo scritto e pubblicato con più tristezza è quello dedicato al nostro caro amico, un membro della famiglia di ytali.com, il grande studioso ed esperto di diritti dei profughi e richiedenti asilo, Bruce Leimsidor.

QUI il tributo che gli abbiamo dedicato.

A painting of a person

Description automatically generated
Bruce Leimsidor in un ritratto di Maggie Siner

Donazioni


bonifico intestato a ytali
IBAN: IT 43 Z 01030 02001 000000805394
BIC: PASCITMMVNZ
Banca Monte dei Paschi di Siena
oppure via paypal

La tua donazione è anche fiscalmente detraibile o deducibile dal tuo reddito (ART 83 DLGS 117/2017)

2023, un anno straordinario per ytali. Grazie a voi ultima modifica: 2023-12-19T21:58:40+01:00 da YTALI
Iscriviti alla newsletter di ytali.
Sostienici
DONA IL TUO 5 PER MILLE A YTALI
Aggiungi la tua firma e il codice fiscale 94097630274 nel riquadro SOSTEGNO DEGLI ENTI DEL TERZO SETTORE della tua dichiarazione dei redditi.
Grazie!

VAI AL PROSSIMO ARTICOLO:

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Lascia un commento