Sudafrica-Israele, una storia travagliata

FRANCESCO MALGAROLI
Condividi
PDF

Nelson Mandela ormai è solo una statua, per quanto amata, ma comunque è il faro di un mondo immaginato – anche il mondo immaginato dai palestinesi. Mandela era molto legato a loro e una delle prima persone che incontra dopo la scarcerazione è Yasser Arafat, il loro leader indiscusso.
Ogni tanto, però, la sua statua parla – questa volta attraverso il tesoriere dell’African National Congress.

L’anima non è in vendita, prima c’è la vita delle persone, e nel Dna dell’Anc – ha detto Gwen Ramokgopa, alla rivista Africa Report – noi siamo accanto ai palestinesi.

L’Anc di Mandela è al potere in Sudafrica da trent’anni. Tra maggio e agosto ci saranno le elezioni, molte questioni interne si sono incancrenite e potrebbe esserci una brutta sorpresa per l’esecutivo – ci mancava Israele e Gaza.

Pretoria è la più critica verso Israele in tutta l’Africa, ma “è anche il più grande partner in affari con loro”, dice Al Jazeera. Nel 2021 il commercio tra Israele e Africa sud sahariana è arrivato a 750 milioni di dollari – macchinari, elettronica, chimica sono state vendute dagli israeliani. Due terzi del traffico è con il Sudafrica – 129 milioni di dollari nel 2021. C’è poi anche il capitolo palestinese: l’esportazione di olio e altri alimenti verso Pretoria tra il 2009 e il 2021 ha segnato il 34 per cento in più.

Il legame tra le due nazioni è un fatto assodato. Ma il parlamento sudafricano, dopo l’inizio della guerra contro i palestinesi ha tagliato i ponti con gli israeliani, mentre la società civile sta cercando di stoppare il commercio attraverso il boicottaggio dei prodotti, dice Muhammad Desai, direttore del AfricaPalestina, un gruppo di pressione sudafricano.

Nelson Mandela in visita a Gaza, 20 ottobre 1999

“I vari stati africani hanno posizioni diverse per ragioni di tipo geopolitico, non c’è nulla di male”, dice Louis Gitinywa, analista politico in Ruanda, all’agenzia stampa turca Anadolu. “C’è innanzitutto una convenienza economica”, rilancia Lesiba Teffo, professore all’Università del Sudafrica. Israele è un partner ideale per fare affari in Africa, “per esempio è uno dei Paesi più avanti quanto ad agricoltura in un continente che lotta per la siccità, le piogge torrenziali”, dice Tighisti Amara, del think tank Chatham House di Londra. Quindi “un conto sono le questioni economiche altro conto quelle politiche in campo interazionale”.

La storia dei rapporti tra Africa e Israele è un costante fermarsi e ripartire, fermarsi e ripartire. 44 nazioni su 54 riconoscono Israele e a nessuno conviene interrompere le relazioni diplomatiche. Ora però il legame più profondo di tutti gli altri si sta incrinando, e non sarà facile riprendere le relazioni per due Stati che, per molte ragioni, sono l’immagine l’uno dell’altro. Israele e Sudafrica nel bene e nel male si sono incontrati e scontrati spesso.

Con un mini-bignami ripercorriamo alcuni punti salienti. Lo Stato di Israele nasce il 14 maggio 1948; il 28 maggio 1948, in Sudafrica, arriva al potere il National Party che impianterà l’apartheid dei neri – gli inglesi la segregazione degli africani l’avevano già inventata, ma l’idea è stata raffinata nei quarant’anni seguenti da parte dei bianchi afrikaner. Dopo un momento di scoramento, era da poco finita la Seconda Guerra Mondiale, con i boeri gli ebrei avevano intessuto buoni rapporti. Sì, certo qualcuno era dalla parte dei neri, come Joe Slovo, ebreo lituano arrivato lì a nove anni già negli anni Trenta, comunista, in esilio dal 1963 al 1990, e sua moglie, Ruth First, ebrea, giornalista e accademica esiliata dal 1963 che morì per una bomba recapitata per posta a Maputo dai razzisti del 1982. L’ebrea Helen Suzman era alla testa del Partito progressista che combatteva l’apartheid, unica in parlamento. Ma l’esempio da seguire (per così dire) era l’ebreo Percy Yutar, il giudice che manderà in galera a vita Mandela: per decenni la Zionist Federation and Jewish Board of Deputies in South Africa ha onorato Yutar, che fu eletto presidente della più larga comunità ebrea ortodossa di Johannesburg.

Israele comunque guardava alle nazioni che uscivano dalla colonizzazione, non gradiva l’apartheid.

Quasi tutta l’Africa volta la testa dopo la guerra dello Yom Kippur del 1973. Tutto viene stravolto. Però nel 1976 il primo ministro razzista sudafricano John Vorster è invitato in Israele. Yitzhak Rabin, premier israeliano, è soddisfatto. Al banchetto dice a Vorster che i due Stati hanno idee comuni: “La speranza di giustizia attraverso la convivenza pacifica”. Comincia una collaborazione fruttuosa fino a farlo diventare un asse internazionale fondamentale per la vendita di armi. Ci sono pure i piani per preparare la bomba H in Sudafrica portata lì dagli israeliani, come sanno non solo Rabin ma anche il laburista Shimon Peres.

Visita in Israele del primo ministro sudafricano, BJ Vorster, nel 1976 (l’anno della rivolta di Soweto). Nella foto con il ministro della difesa Shimon Peres e il primo ministro Yitzhak Rabin. (photo Rahamim Israeli)

Con Mandela fuori, quasi quindici anni dopo, le cose cambiano.

Veniamo a oggi.

Il presidente sudafricano Cyril Ramaphosa si è speso in prima persona per portare Israele davanti alla Corte di Giustizia Internazionale dell’Aja. L’unico Stato a farlo. L’accusa in 84 pagine a Israele è chiara: genocidio. Da lunedì la corte è riunita. Ci sarà una sentenza per così dire salomonica, secondo il Daily Maverick di Johannesburg: Israele non compie un genocidio ai danni dei palestinesi a Gaza, è in guerra contro Hamas, le vittime civili sono un danno collaterale. Farà concessioni di qualche tipo ai palestinesi. Dopo la carneficina compiuta da Hamas il 7 ottobre ammazzando 1194 ebrei (tra cui bambini e donne), i militari israeliani dall’8 ottobre hanno ucciso, a domenica 21 gennaio, circa 25.000 palestinesi (tra cui bambini e donne).

L’Aja nel giudicare il caso deve prendere però una decisione assai più rilevante e non riguarderà soltanto Sudafrica ed Israele. Deve dire se finalmente tutti sono uguali e non alcuni sono più uguali degli altri davanti alle leggi internazionali. Dice Nesrine Malik sul Guardianche sono gli americani a dettare i comportamenti quando gli interessi e le nazioni sono a loro alleate. Nemmeno le Nazioni Unite possono fare nulla, pena il veto degli Usa (che anche Cina e Russia a loro volta usano). Il Sudafrica – con tutto quel che di peggio c’è di questi tempi: stupri, criminalità, omicidi, disoccupazione, affari illeciti… – invece ha messo sul tavolo una posta molto alta. “In un mondo multipolare è sempre più debole il punto di vista degli occidentali”, dice Malik. Il Sud del mondo (e anche i piccoli Stati occidentali) riuscirà a imporre questa visione? Può riuscirci Pretoria? Il Paese simbolo del razzismo e dell’ingiustizia fino a quando non è giunto Mandela avrà la forza sufficiente?

I rappresentanti del Sudafrica all’Aja

A Johannesburg una cosa è certa. “È un grandissimo risultato comunque di fronte a un mondo dove non c’è davvero legge: il Sudafrica ha messo al centro il principio, la norma legale”, sottolinea Mia Swart, docente alla Witwatersrand University di Johannesburg, prlando con Africa Report. È comunque un precedente significativo per la legge internazionale. “È la reputazione della legge internazionale che è messa in gioco”, dice il rappresentante sudafricano prendendo la parola all’Aja. Sono i diritti di tutti ad essere importanti, e non di una parte. Ma non tutti la pensano così. È un caso che si basa su prove scarse, e con scarse possibilità di successo, ha osservato Andre Thomashausen, professore emerito dalla Università del Sudafrica. A Johannesburg, il presidente della South Africa Zionist Federation, Avron Krenger, non è interessato nemmeno a cosa si deciderà all’Aja, la comunità ebraica si sta richiudendo in se stessa. Parlando delle prossime elezioni sudafricane ha sibilato nei confronti di Ramaphosa: “La vendetta va servita fredda, il governo avrà tutto il tempo per domandarsi cosa è successo”.

Desmond Tutu, arcivescovo di Città del Capo, premio Nobel, aveva visitato Gaza nel 2006 e si è vergognato di come Israele trattava i palestinesi. Tutu è morto poco più di due anni fa, e in questi giorni è comparsa sulla statua a Città del Capo una stola palestinese. Anche la sua statua parla.

Sudafrica-Israele, una storia travagliata ultima modifica: 2024-01-24T22:29:46+01:00 da FRANCESCO MALGAROLI
Iscriviti alla newsletter di ytali.
Sostienici
DONA IL TUO 5 PER MILLE A YTALI
Aggiungi la tua firma e il codice fiscale 94097630274 nel riquadro SOSTEGNO DEGLI ENTI DEL TERZO SETTORE della tua dichiarazione dei redditi.
Grazie!

VAI AL PROSSIMO ARTICOLO:

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Lascia un commento