“A Vincent Van Gogh”, di Luigia Sorrentino

scritto da Studio MAB21

sono ora al tuo cespuglio
in quella tinta cresciuta
dalla nostra sostanza immensa
la voce staccata dal corpo
segna l’opera il taglio della carne
nel frammento
tutto l’occhio avanza
fino a te che ascolti
il gocciare, piccole macchie
sulla tela,
quel lampo
che ferisce il sogno colpendolo
in pieno viso
la mutilazione,
la sagoma del tronco diviso
il ricovero della carne
nella separazione
con i mattini ventosi sull’acqua
tutta colma
la materia del giardino colpita
così illuminata e sola la luce
da sé sparsa
scorporata
il cespuglio, il cespuglio caro

“A Vincent Van Gogh”, di Luigia Sorrentino

“A Vincent Van Gogh”, di Luigia Sorrentino ultima modifica: 2017-04-26T11:13:28+00:00 da Studio MAB21