“De Senectute”, di Andrea Zanzotto

scritto da Studio MAB21

Possibile che non mi sia dato
compiere la più minuta
azione senza che il tempo
venga a riscuotere, usuraio atroce
la sua parte, con interessi
sempre più spropositati
esponenziali, demenziali,
ogni giorno di più,
da capogiro
sempre più rapidi
rapienti capogiri?

“De Senectute”, di Andrea Zanzotto

“De Senectute”, di Andrea Zanzotto ultima modifica: 2017-05-08T13:24:33+00:00 da Studio MAB21

VAI AL PROSSIMO ARTICOLO: