“Filo Spinato”, di Peter

scritto da Studio MAB21

Su un acceso rosso tramonto,
sotto gl’ippocastani fioriti,
sul piazzale giallo di sabbia,
ieri i giorni sono tutti uguali,
belli come gli alberi fioriti.
E’ il mondo che sorride
e io vorrei volare. Ma dove?
Un filo spinato impedisce
che qui dentro sboccino fiori.
Non posso volare.
Non voglio morire.

 

“Filo Spinato”, di Peter

Peter fu uno dei ragazzi rinchiusi a Terezin, un campo di concentramento a 60 Km da Praga nel quale venne concentrata la più forte presenza di internati bambini. Molti di loro, come Peter, ci hanno lasciato delle poesie.

“Filo Spinato”, di Peter ultima modifica: 2017-01-27T00:14:50+00:00 da Studio MAB21

VAI AL PROSSIMO ARTICOLO: