“nell’udire certe dissonanze al lento chiaro di luna”, di Amelia Rosselli

scritto da GUIDO MOLTEDO

poichè ciò che, infreddoliti, nè io nè te capiamo,

è ben oltre le nostre speranze, forse

è vero amore, disse la cornamusa

congelandosi. Mentre in lente volute le note parlavano senza paura

io chiusi gli occhi e cantai lentamente, una stretta

nel pulsare di tutte le moltitudini.

“nell’udire certe dissonanze al lento chiaro di luna”, di Amelia Rosselli

“nell’udire certe dissonanze al lento chiaro di luna”, di Amelia Rosselli ultima modifica: 2016-12-21T19:08:40+00:00 da GUIDO MOLTEDO