“Shoah”, di Claude Lanzmann

scritto da Studio MAB21

Difficile da riconoscere, ma era qui.

Qui bruciavano la gente.

Molta gente è stata bruciata qui.

Si, questo è il luogo.

Nessuno ripartiva mai di qui.

I camion a gas arrivavano là…

C’erano due immensi forni…

e dopo, gettavano i corpi in quei forni,

e le fiamme salivano fino al cielo.

Fino al cielo?

Si.

Era terribile.

Questo non si può raccontare.

Nessuno può

immaginare quello che è successo qui.

Impossibile. E nessuno può capirlo.

e anche io, oggi…

Non posso credere di essere qui.

No, questo non posso crederlo.

Qui era sempre così tranquillo. Sempre.

Quando bruciavano ogni giorno 2000 persone, ebrei,

era altrettanto tranquillo.

Nessuno gridava. Ognuno faceva il proprio lavoro.

Era silenzioso. Calmo.

Come ora.

“Shoah”, di Claude Lanzmann

“Shoah”, di Claude Lanzmann ultima modifica: 2018-01-27T12:41:12+00:00 da Studio MAB21

VAI AL PROSSIMO ARTICOLO: